Tutti gli occhi sono sulla FED, tra le commodities c’è poca volatilità

AZIONI

Asia-pac sta scambiando in modo misto dato che nessun sentimento principale è prevalente oggi. Il Dow (16.781,01, +0.03%) sta consolidando per due giorni dopo un forte calo, ma dopo gennaio non abbiamo avuto due settimane consecutive in calo finora. Quindi i tori non sono interessati fino a che 16600-300 sarà rotto. Il Dax (9.883,98, -0,29%) ha trovato il sostegno della trendline. Un’altra spinta fino a 10300-400 potrebbe essere valida fintanto che rimane al di sopra di 9800-700.

La fine dell’andamento corrente del Nikkei (15.008,42, +0,50%) finirà su una rottura sopra 15250, ma la correzione potrebbe andare avanti per un paio di sedute con il supporto importante in arrivo a 14.700-650. Lo Shanghai (2.070,93, -0,72%) ha raggiunto il nostro obiettivo iniziale a 2080 ma per raggiungere il prossimo obiettivo a 2100-05 deve tenere sopra il supporto a 2060-55.

Il Nifty (7.533,55, -0.11%) è stato ferito dai dati cattivi della WPI ma ha cercato di creare un intraday vicino a 7485. Lo stop loss per eventuali long aggressivi dovrebbe essere appena sotto 7485, dato che una rottura di 7485 garantirebbe una mossa a 7450. Qualsiasi rimbalzo si troverebbe ad affrontare la pressione di vendita nei pressi di 7580-7615.

COMMODITIES

Le materie prime sono basse in termini di negoziazione complessiva, tranne il rame. L’oro (1.271,80) e l’argento (19,639) sono leggermente diminuiti sulla forza del dollaro rispetto alle principali valute ieri. Il rally a breve termine nei metalli è finito? O è solo una correzione? Dobbiamo aspettare e guardare per un paio di sessioni per verificare se i metalli hanno ripreso la tendenza al ribasso.

Nymex WTI (106,64) e Brent (112,66) hanno messo in pausa a livelli più alti, dopo il recente rialzo della settimana scorsa. C’è Necessità di vedere se si alzano o se si vedrà qualche correzione prima di riprendere il trend rialzista. I mercati si aspettano un aumento dei prezzi del petrolio sull’incombente guerra civile in Iraq.

Il rame (3,0600) ha rimbalzato bene dai livelli appena sopra 3. La gamma di 3,0-3,07 è ancora in vigore per ora e abbiamo bisogno di vedere se sale oltre 3,07 per indirizzare a 3.10 nel breve termine, mentre si trova in un trend ribassista di lungo termine.

FOREX

Tutte le valute (ad eccezione del Pound) sono bloccate in un certo intervallo ristretto. L’euro (1,3564) sta cercando di trovare forza dalla zona di supporto di 1,3500-3475 per le ultime 3-4 sedute, ma un’inversione rialzista sarà confermata solo su una rottura sopra 1,3630 e poi sopra 1,3680. Il rapporto Dollaro-Yen (102,01) è in commercio nella gamma ristretta di 102,15-101,60 da un paio di giorni.

Il Pound (1,6964) ha raggiunto il nostro obiettivo iniziale di 1,70 dopo la rottura sopra 1,6850. Questo aumento può spingere fino al prossimo obiettivo di 1,71.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *