Lavoro troppo instabile, gli italiani non fanno più figli

Italia ha registrato tassi di natalità bassi per molti anni, con gli esperti che non hanno difficoltà ad affermare che gli alti livelli della disoccupazione e dell’instabilità del lavoro che i giovani devono affrontare sta causando gravi problemi alle coppie. La scelta di avere figli avviene sempre più tardi nella vita. Allo stesso tempo, l’Italia ha una delle più antiche popolazioni del mondo ed è seconda solo alla Germania tra le 28 nazioni dell’Unione europea, sempre leggendo i dati Istat. In media , ci sono 151,4 italiani oltre i 65 anni, di conseguenza, 100 giovani sotto i 15. Solo la Germania ha una media età più anziana, con una media di 158 anziani ogni 100 giovani.

Questo è il terzo anno consecutivo di declino, anche se risultato inferiore rispetto al calo del 4% nel 2012

I tempi duri scaturiti dalla crisi economica stanno assumendo un pedaggio sul consumo dei consumatori, normalmente un elemento importante per la crescita economica. Tuttavia, lo scorso anno, il consumo è sceso del 2,6%. Il terzo anno consecutivo di declino, anche se risultato inferiore rispetto al calo del 4% nel 2012. Il reddito disponibile delle famiglie avanza del 1,1 % nel 2013 dopo il calo del 4,6% nel 2012 , l’agenzia ha aggiunto. L’Istat ha anche avvertito che l’Italia ha una “grande disuguaglianza nella distribuzione del reddito primario”. In realtà, ha detto che l’Italia ha il peggior record dell’Unione europea per quanto concerne la disuguaglianza di reddito, con ben 7,6 milioni di italiani che vivono in condizioni di grave degrado.

L’Istat ha detto che gli sforzi del governo nei paesi scandinavi condurranno l’UE a ottenere un forte miglioramento per quanto concerne l’uguaglianza dei redditi

Tutto questo non può che comprendere i guadagni delle famiglie e dei risparmi ed è stata misurata dopo che i programmi di sostegno governativi sono volti a uniformare i redditi delle famiglie. L’Istat ha detto che gli sforzi del governo nei paesi scandinavi condurranno l’UE a ottenere un forte miglioramento per quanto concerne l’uguaglianza dei redditi. Ovviamente, il discorso inerente il lavoro in Italia è sempre molto delicato. La paura più grande, ormai, non è data neanche più dalla disoccupazione, ma dalla reale possibilità di tenerselo il lavoro. Capita tutti i giorni che il titolare dia il benservito e, che se ne dica, quando ciò avviene, il dipendente ha davvero poco da fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *