I contro della tecnica delle candele


Nello scorso articolo abbiamo iniziato a vedere le tecniche delle candele, andando ad analizzare come questa tecnica può esserci utile. Andiamo ora a vedere quali sono i contro di questo metodo. Il metodo basato sulle candele può non prevedere la volatilità del prezzo delle valute durante le fasi di negoziazione. Andiamo a fare un esempio per capire meglio il concetto.

Diciamo, ad esempio, di vedere una candela verde long, questo significa che siamo in un mercato rialzista. Inoltre, maggiore è la grandezza della candela e maggiore sarà la partecipazione dei trader.

Contrariamente a questo avere una candela rossa molto lunga indica un forte mercato ribassista nel quale c’è una forte partecipazione attiva dei venditori.

Tra le varie candele più interessanti che si possono avere ci sono quelle Doji, che indica una corrispondenza tra i prezzi di apertura del mercato e i prezzi di chiusura. Le candele Doji ci indicano che c’è una inversione di tendenza in atto. Sono delle candele molto chiare e che ci danno dei segnali decisamente forti.

Vi è inoltre un altra candela degna di nota, in cui praticamente si ha una barra verde con un corpo molto piccolo, ad indicare che i prezzi di chiusura sono stati di poco superiore al prezzo di apertura. Questo indica un avvicinamento di una tendenza al ribasso. Se invece fosse il contrario, ovvero un prezzo di chiusura di poco inferiore a quello di apertura, allora saremmo di fronte ad un’inversione del trend al rialzo.

Ci sono molti operatori che considerano la tecnica delle candlestick come molto interessante in materia di trader Forex e di analisi tecnica. La tecnica delle candele è sicuramente di gran lunga più affidabile rispetto a moltre altre strategie di analisi tecnica, ma i trader devono sempre essere prudenti e non devono limitarsi ad applicare un solo metodo.

Tecnica Forex, le candele

La tecnica delle candele nel Forex può essere definita un’invenzione rivoluzionaria. Questa tecnica è nata in Giappone nel corso del 18° secolo ed era utilizzata dai commercianti di riso. La tecnica ha anche del fascino orientale e permette di unire la precisione con la saggezza.

Che cosa è precisamente una tecnica candlestick nel Forex e come possiamo usarla per il nostro trading? Questa tecnica è una rappresentazione dei dati in tabelle diverse e sotto forma di vari modelli. La creazione di un pattern candlestick richiede una serie di dati che contengono diversi valori, come il prezzo di apertura, di chiusura, il massimo e il minimo che sono stati raggiunti durante un certo periodo di tempo.

Una candela sarà formata da un corpo principale e da due estensioni che emergono dal corpo a forma di croce. Il modello delle candele ci fornisce delle informazioni che sono in qualche modo simili a quelle di qualsiasi altro metodo di interpretazione utilizzato nella negoziazione Forex. Ma c’è qualcosa in più che è legato a questo metodo, ovvero il modo in cui viene presentato, molto piacevole è più utile rispetto a qualsiasi altro tipo di grafici.

Tra i pro di usare questa tecnica c’è il fatto che le candele mostrano una evidente relazione tra i quattro punti di prezzo più importanti, che vanno a formare un particolare modello. Con un semplice colpo d’occhio i trader sono in grado di conoscere l’azione del prezzo e dunque decidere di conseguenza come meglio agire per poter aprire delle posizioni in guadagno.

Inoltre le candele ci permettono di avere la certezza che esse coinvolgono sempre l’interpretazione di un prezzo, fondamentale per prevedere il prezzo.

Nel prossimo articolo andremo a vedere invece quali sono i contro di usare un’analisi sulle candele, cosa importante per capire come poter correggere tali contro e come poter sfruttare in pieno la potenza delle candele.

Suggerimenti essenziali per il trader medio

Vediamo alcuni consigli essenziali per il trader medio del Forex. La prima cosa consiste nel cercare un broker che offra una liquidità significativa e permetta di avere una chiusura ad un prezzo favorevole. Conviene sempre leggere le recensioni in rete relative ad un dato broker, dato che possono aiutarci senza dubbio a capire se può fare per noi o meno.

Bisogna poi imparare ad utilizzare delle competenze in termini di gestione di denaro, al fine di investire denaro elegantemente e con efficacia. Non bisogna mai utilizzare un tasso di indebitamento eccessivo, cosa che viene offerta da alcuni broker forex. Tale strategia può infatti mettere tutto il nostro capitale di investimento a rischio.

Bisogna imparare a usare gli stop loss, al fine di ridurre al minimo le perdite. Riuscire ad usare sapientemente gli stop loss ci permette di salvare molto denaro quando le posizioni che abbiamo aperto vanno contro il trend. A tal proposito, possiamo dire che quando sin fa trading contro le tendenze, bisogna assicurarsi di avere un piano di trading basato sia sull’analisi tecnica che su quella fondamentale. La disciplina è la migliore politica commerciale mentre si fa trading contro le tendenze.

Inoltre bisogna cercare di mantenere coerenza di negoziazione, il che significa fare dei piani per aumentare gradualmente il profitto potenziale invece di rischiare tutto per un grande ed unico affare, che potrebbe andare male.

Quando si va a fare trading su una coppia di valute, fare un’analisi comparata della coppia stessa ci fornisce degli indizi importanti circa le tendenze del mercato.

Il commerciante medio dovrebbe sempre prendere sul serio l’educazione nel mercato del forex. Comprendere le sfumature fornisce un vantaggio aggiunto mentre si fa un investimento e questo a volte può fare la differena tra guadagnare o perdere. Inoltre è l’unico modo per aumentare il proprio margine di profitto nel mercato del forex.

Fare Forex nel lungo periodo

arton22
Parlare di lungo periodo nel Forex è una cosa relativa, per il semplice motivo che il lungo periodo potrebbe cambiare a seconda del trader e del suo modo di operare in questo mercato delle valute. In linea generale, possiamo dire che fare un investimento Forex per un lungo periodo comporta il fatto di tenere aperte le nostre posizioni da un minimo di poche settimane fino anche ad alcuni mesi. Quindi, gli investimenti di lungo termine possono durare un anno o anche di più. Anche se molti trader Forex iniziano a fare trading applicando delle strategie di breve termine, è importante anche imparare a mettere in pratica delle tecniche di investimento nel lungo termine.

Il Forex offre infatti alcuni vantaggi significativi per gli investitori di lungo termine. Alcuni di questo vantaggi sono inoltre degli svantaggi per chi investe nel breve termine.

Sicuramente la prima influenza è quella dei tassi di interesse. Se sono alti ci sono dei vantaggi nel lungo periodo e degli svantaggi nel breve periodo. Ricordiamo che il tasso di interesse è fissato dalla banca centrale del paese o della zona economica.

Cambia anche la percezione di rischio, che ovviamente non sparisce del tutto. Ad esempio, nel trading di breve periodo possono essere delle influenze significative se c’è una variazione di 40 pips, mentre nel lungo termine le variazioni globali sono spesso pari a 1.000 o più pips, dunque c’è molta più flessibilità.

Uno dei vantaggi più significativi di fare trading nel lungo periodo è l’impatto delle differenze di rendimento tra le varie valute. Ad esempio, per molti anni la Banca del Giappone ha mantenuto i tassi di interesse molto bassi, mentre altri paesi hanno mantenuto i loro tassi di interesse molto alti. I trader si sono dunque rivolti verso valute più proficue, come la sterlina britannica.

Come possiamo vedere ci sono dei vantaggi nel fare trading di lungo periodo. Ovviamente, bisogna anche investire molto più denaro rispetto a chi fa trading di breve termine, dunque non è una cosa adatta a tutti o che interessa a tutti.

I volumi nel trading

I volumi sono, per il forex, uno dei pezzi base per la corretta valutazione sull’andamento del mercato: maggiore è il volume e maggiore significato assumono i prezzi. I volumi sono, inoltre, un valore non alterabile, in quanto sono ben determinati e determinabili.

Gli indicatori più conosciuti legati al prezzo sono i leading indicator che spesso anticipano il movimento del prezzo ed indicano il comportamento del volume e di tutti i vari indicatori che sono costruiti sul volume.

Le informazioni che si possono ottenere dai volumi sono diverse, ad esempio sono utili per capire se determinati movimenti al rialzo o al ribasso siano dovuti ad acquisti reali o siano semplicemente dovute alla chiusure di determinate posizioni aperte in precedenza.

Potrebbero anche essere utili per capire se conviene inserire uno stop loss, perdendo determinati pips, oppure meno, a seconda se i volumi spostati siano importanti o no.

Ovviamente, anche per i volumi il rischio di avere dei segnali falsi è reale e bisogna sempre stare molto attenti, per questo motivo è bene essere supportati da determinati grafici o tool che possono essere utili nella nostra scelta, come le barre a volume costante e gli istogrammi prezzo – volume.