Indicatori di tendenza

Nella nostra strategia di trading abbiamo bisogno di uno strumento in grado di dirci qual è la tendenza del mercato. Anche se è possibile fare soldi con il trading in controtendenza, la maggior parte dei trader trova più facile seguire la tendenza che andare contro di essa.

Un indicatore di tendenza ci dirà qual è la direzione del trend principale del mercato in modo da poter cercare di ottenerne un certo vantaggio dal   seguire la sua direzione. Dal nostro punto di vista un’indicatore di tendenza ci aiuta a sapere se dobbiamo cercare delle opportunità di acquisto o, al contrario, cercare delle opportunità di vendita. Potremo capire quale atteggiamento assumere di fronte al mercato, ma non ci aiuterà a capire quando possiamo entrare. Si possono invece usare dei segnali appositi per capire quando è meglio entrare nel mercato, ma alla fine la decisione finale spetta al trader perché non è l’obiettivo principale di un indicatore di tendenza.

Ad esempio, l’indicatore di tendenza semplice è una combinazione di media mobile, una lento (periodo di massima) e una veloce (periodo di minima). Quando la media mobile veloce è al di sopra della media mobile lenta siamo in un uptrend, al contrario quando la media mobile veloce è al di sotto della media mobile lenta siamo in un downtrend. Potremmo dire quale combinazione di medie mobili è la migliore, ma sarebbe dire qualcosa che potrebbe essere di molto diversa dalla migliore combinazione di un altro trader, o dalla migliore combinazione che voi stessi avete provato. La migliore combinazione di medie mobili è quella che meglio si adatta al periodo di tempo in cui si vuole operare e che rispetta gli obiettivi che ci si è prefissi e lo stile di trading di ognuno. Cioè, “la migliore combinazione di media mobile” non esiste.

Quindi, utilizzando un indicatore di tendenza permette di avere delle informazioni circa l’andamento prevalente del trend e sapere quale atteggiamento avere tra predisposizione all’acquisto o alla vendita. Una delle combinazioni spesso usate è quella di una media mobile esponenziale (EMA) a 50 giorni e una a 100 giorni, combinazione che sembra ben si adatta alla situazione di tante coppie di valute (come EUR/USD) e a quasi ogni tempistica utilizzata . Tuttavia, i falsi segnali sono sempre in agguato qualunque sia la combinazione di medie mobili che si sceglie di usare o qualsiasi altro indicatore di tendenza si utilizza. Bisogna sapere che non possono essere evitati ma solo starci attenti.