Segnali di inversione deboli dell’analisi candlestick: harami e tweezers

Tra i minor reversal pattern, ossia tra quelle figure che hanno un valore previsivo meno accentuato rispetto ad altre ma che non per questo risultano meno utili nel preannunciare un’eventuale inversione di tendenza del mercato vi è il pattern noto come Harami.
Tale figura è simile all’engulfing in quanto costituito da due candele di cui una che ingloba con il suo real body completamente l’altra ma è il contrario dell’engulfing per via del fatto che è il corpo della prima candela a contenere completamente quello della seconda.

Struttura e conformazione del pattern

haramiLa prima candela della figura di solito è una long candle e la seconda è una candela il cui corpo ha delle dimensioni ridotte e che risulta completamente contenuta all’interno del range di valori della prima. In genere la seconda candela è una spinning top ma può anche essere costituita da una doji, nel qual caso si ha un segnale potenziato di inversione fornito dal pattern, che in questo caso prende il nome di harami cross.
L’harami cross preannuncia un rallentamento o un consolidamento del trend corrente: infatti, se la prima candela è per la prosecuzione del trend la seconda denota incertezza, che sarà tanto più elevata quanto più la doji risulta compresa all’interno del real body della prima candela.
Generalmente nell’harami la prima candela assume una colorazione opposta alla seconda ad indicare che dopo una prima fase di continuazione del trend si ha un rallentamento dello stesso che potrebbe sfociare in una vera e propria inversione di tendenza.

Ulteriori segnali di affidabilità da considerare

Vi sono alcuni elementi la cui lettura risulta indispensabile per poter supporre con maggiore attendibilità l’inversione di prossima attuazione del trend; ad esempio la posizione della seconda candela. In particolare nell’harami bearish, la spinning top dovrebbe trovarsi posizionata almeno in corrispondenza della metà del corpo della prima candela perchè se si trovasse troppo vicina all’upper shadow, e quindi ai limiti superiori della candela precedente, si dovrebbe attribuire alla spinning top una valenza di segnale di prosecuzione del trend piuttosto che di inversione.
In genere, una conferma ulteriore dell’avvenuto compimento del pattern è la comparsa di una candela successiva alla seconda che chiude superando il limite costituito dal prezzo di apertura della prima long white candle (stiamo parlando sempre di harami ribassista).

Un ulteriore minor reversal pattern: il Tweezer

tweezertopL’altro pattern appartenente alla categoria dei minor reversal è il tweezer. Esso è una figura che può comparire tanto ai massimi, prendendo il nome di tweezer top, quanto a minimi con il nome di tweezer bottom. Il tweezer top si riconosce dalla presenza, in un trend al rialzo, di due o più candele caratterizzate da massimi allo stesso livello. Pur non essendo un vero e proprio pattern d’inversione, spesso viene utilizzato per conferma di ulteriori pattern o di particolari candele di inversione nel qual caso si rafforza la portata previsiva dello stesso. Nella pratica, spesso si riscontra questa tipologia di pattern all’interno di grafici con orizzonti temporali lunghi (settimanali, mensili) in quanto maggiore è la volatilità che caratterizza le serie storiche dei prezzi in questi frangenti temporali.