Previsioni sul prezzo del petrolio nel 2015

Questo è quello che gli analisti si aspettano riguardo al prezzo del petrolio nel corso del 2015.

 

petrolio

 

Per il breve periodo è difficile fare previsioni precise, ma per il lungo periodo si consiglia di acquistare!

Se quindi siete dei fan delle commodities e volete guadagnare con le opzioni binarie e magari sfruttare bonus come quelli di 24 Option questo può essere un ottimo investimento!

 

Alcuni possibili scenari che vedremo nel 2015

Secondo la versione online di Barrons, ecco alcuni possibili scenari economici (e non) che vedremo nel 2015.

1. L’economia mondiale continuerà a crescere in maniera anemica, con Europa e Giappone che lottano per rimanere fuori dalla recessione. La crescita degli Stati Uniti potrebbe salire di nuovo ad un livello di + 1,5%. Più i tassi di interesse continuano a scendere e più il dollaro USA si indebolisce. I rendimenti dei titoli a 10 anni statunitensi scendono al di sotto del 2%.

2. Le aspettative di inflazione accelerano, guidate da una forte ripresa dei prezzi di fondo del petrolio all’inizio del 2015, che si stabilizzano e cominciano a muoversi verso l’alto. L’occupazione si muove più velocemente del previsto, mano a mano che la fiducia dei consumatori migliora. La Fed si ritrova di fronte ad un contesto politico in cui è ora di alzare i tassi e i mercati si troveranno con delle sorprese in tal merito.

3. La divergenza politica e monetaria porta alla sottoperformance del mercato azionario statunitense. Gli stimoli fuorvianti degli Stati Uniti riescono a generare una dinamica economica e un sentimento positivo. Il dollaro non apprezza in maniera significativa rispetto ai livelli attuali, dato che una più forte mondiale attrae portafogli ed investimenti verso l’Europa, il Giappone e i mercati emergenti. Dopo due anni di sovraperformance, i titoli azionari statunitensi sottoperformano nei mercati azionari.

4. La politica europea si rivolge verso i partiti politici marginali. L’opposizione del partito Syriza vince alle elezioni anticipate e porta la Grecia fuori dall’euro poiché il nuovo governo si rifiuta di rimborsare il debito estero. Con la riforma che non va da nessuna parte, la politica italiana si trasforma in populista e anche il nostro paese andrà fuori dall’euro. I partiti politici Podemos in Spagna e il Fronte nazionale in Francia usano questo slancio per vincere le elezioni locali.

5. Le elezioni generali nel Regno Unito portano ad chiaro vincitore mentre lo UK Independence Party (UKIP) avanza. Questo porta la sterlina ad un valore in calo. Il movimento indipendentista in Scozia solleva di nuovo la discussione indipendenza.

6. Hong Kong ritorna alla disobbedienza civile, le autorità rispondono con forza a manifestazioni sempre più violente. La Cina rifiuta di intervenire. La dislocazione economica alla deriva porta il capitale straniero a fuggire. I mercati immobiliari e azionari cadono. Hong Kong si ritrova emarginata come centro finanziario della regione. Singapore e Shanghai guadagnano a spese di Hong Kong.

7. Un colpo di stato militare in Corea del Nord conduce alla guerra civile. La zona demilitarizzata coreana è violata con i nordcoreani che fuggono a sud, costringendo all’unificazione. La Corea del Sud cade in recessione dato che costo di unificare la penisola coreana sembra sconcertante. Il won coreano scende a livelli mai visti dalla crisi asiatica del 1997.