T come triangoli

Questo modello permette di evidenziare delle prime formazioni di contrazione del prezzo. Vedremo le principali caratteristiche.

 Un ulteriore modello di formazione grafica dei prezzi come i Triangoli

Le formazioni di un grafico o price pattern offrono il vantaggio al Trader  di individuare delle buone opportunità presenti sul mercato, osservando il tutto graficamente. Tuttavia esistono diversi modelli in tal senso strettamente correlati anche alla tendenza prevalente sul mercato di riferimento. I triangoli ad esempio sono degli ulteriori modelli grafici che permettono di raggiungere tale scopo, offrendo al Trader degli elementi facili da riconoscere  per definire dei punti di entrata o dei successivi obiettivi. I triangoli inoltre a differenza dei modelli grafici fino ad ora analizzati ( come il testa a spalla noto anche come head and shoulders, o il testa a spalla rovesciato noto anche come inverse head and shoulders che possono considerare principi come l’ inversione di un Trend) permettono di analizzare al meglio un mercato soprattutto nella fase di contrazione di un range tipica di un principio anche analizzato nei precedenti articoli quale l’ alternanza del prezzo.

 L’ utilità del modello dei triangoli per definire una fase di contrazione di un range presente sul mercato

In pratica bisogna partire dal presupposto che un mercato in generale può essere oggetto a due fasi quella di contrazione e  di successiva espansione di un range. Questa prima fase potrà quindi essere analizzata al meglio grazie all’ utilizzo dei triangoli evidenziando dei casi di contrazione nel breve periodo. E’ possibile inoltre distinguere due tipologie di triangoli: ascendenti e discendenti. Nel primo caso (triangoli ascendenti)  si fa riferimento a delle formazioni grafiche di contrazione al rialzo, mentre nel secondo caso (triangoli discendenti) si fa riferimento a delle formazioni grafiche di continuazione verso il ribasso.

 L’ importanza nel valutare il principio cardine dell’ alternanza del prezzo: ad una espansione del range segue generalmente una contrazione

Evidenziati i principi generali dei Triangoli, c’ è da evidenziare che nella maggior parte dei casi i Trader commettono l’ errore comune di voler necessariamente individuare il punto di rottura, cercando di prevedere con un certo anticipo la successiva direzione del prezzo, mentre in realtà tali grafici possono offrire dei vantaggi sotto un altro punto di vista. Ponendo cioè l’ attenzione sul principio alla base dell’ alternanza del prezzo: ad una fase di espansione di un range segue una di contrazione, ed individuare tale elemento di passaggio da una fase all’ altra,  può effettivamente creare la differenza nell’ utilizzo di questa tipologia di formazione grafica dei prezzi. Può infatti accadere che proprio quelle situazioni in cui i triangoli si rompono in una direzione completamente opposta al cosiddetto “ bias direzionale” offrano più vantaggi al Trader, che reagirà di conseguenza sul mercato con diverse azioni. Oltre al classico modello dei triangoli, è possibile inoltre far riferimento a delle alternative grafiche spesso utilizzate dai Trader come dei Triangoli simmetrici, in casi di incertezze sulla direzione dei prezzi, e dei Triangoli Ascendenti e discendenti nei casi di mercati al rialzo o al ribasso, che presentano delle caratteristiche molto interessanti, che saranno a breve evidenziate nei prossimi articoli sull’ argomento al fine di offrire al lettore una visione unitaria.

 

Autore: Iolanda Piccirillo

Classe 1985, laureata nel 2009 in Economia e Commercio all' Università Parthenope di Napoli con la votazione di 104/110. E’ La forte passione per il mondo finanziario maturata prima e dopo gli studi a spingere verso l’ avventura editoriale, al fine di poter dare la sua voce sulle diverse tematiche che girano attorno all'economia e al mondo del Trading.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *