I sistemi di accesso al London Metal Exchange

lme_2244154bI sistemi del London Metal Exchange

L’imbarazzo della scelta: gli investitori che volessero affidarsi al London Metal Exchange e al suo trading avrebbero diverse opportunità da scegliere tra i vari sistemi di accesso al mercato. Ognuno di essi si caratterizza per la sua robustezza e per la modernità delle tecnologie, senza dimenticare la sicurezza, un elemento fondamentale quando si ha a che fare con certi strumenti finanziari. Su quale sistema puntare? Ce n’é uno che è migliore di altri? A tutte queste domande si cercherà di fornire una risposta esauriente, analizzando le piattaforme una per una.

LMEselect

Questo nome è stato citato diverse volte nella rubrica “Metalli non preziosi”: si tratta di un sistema che permette ai membri dell’LME (nello specifico le categorie 1 e 2) di entrare in contatto con gli altri dal punto di vista elettronico e di sfruttare il vantaggio di alcune efficienze di processo. Ogni prodotto può essere scambiato, dunque contratti futures, opzioni e TAPOs (Traded Average Price Options). Le ore operative sono invece comprese tra il lunedì e il venerdì, dalle 00:45 alle 19:30 (orari di Londra).
[adrotate banner=”59″]

LMEsmart

Questo sistema invece è stato pensato per registrare gli scambi effettuati presso il London Metal Exchange. L’orario operativo è di quattordici ore complessive, vale a dire dalle 6:00 fino alle 20:00 (sempre orari londinesi ovviamente). L’accesso può avvenire in tre modi distinti: l’applicazione LMEsmart Bridge, l’LMEsmart GUI o il FIX API. In poche parole la piattaforma in questione fa cominciare quello che è il processo di compensazione, fondamentale per evitare il pericoloso rischio di controparte.

LMEsword

Perché proprio il termine “spada” (sword appunto) per identificare questo ulteriore sistema del London Metal Exchange? Esso crea e gestisce gli ordini per conto dei contratti londinesi, i quali sono solitamente stabiliti su base fisica, oltre che per i metalli della borsa britannica, a loro volta dipendenti dagli ordini nei depositi verificati. L’LMEsword è in grado di facilitare il trasferimento della proprietà degli ordini e di gestire le scorte. Gli ordini vengono accumulati in una sorta di deposito centrale e beneficiano di un formato standard, includendo inoltre un codice a barre unico. Gli agenti di Londra hanno anche il compito di registrare qualsiasi dettaglio.

LMEwire

Questa piattaforma è quella che raggruppa le transazioni relative agli strumenti derivati per poi riportarle a un magazzino registrato per gli scambi. Tra i vantaggi principali si possono ricordare i costi contenuti e legati alle necessità del mercato dei metalli non preziosi. Il compito dell’LMEwire è quello di assistere i membri del London Metal Exchange negli scambi, in particolare per quel che riguarda il trading over-the-counter. La maggior parte dei dati sui derivati sono già disponibili sulla piattaforma LMEsmart, ma comunque il sistema in questione permette di utilizzare la connettività esistente e di ridurre al minimo il lavoro dei membri.

Gli altri sistemi del London Metal Exchange

Vi sono anche altri sistemi in questo caso, utili come supporto a quelli principali e per facilitare il più possibile il trading. Si tratta di MDD (un importante collegamento ai dati più vecchi), LMEdcs (raggruppa i dati per riuscire a produrre una curva di prezzo ogni giorno), LMEcvrs (capace di riunire le volatilità dei membri che analizza e di calcolarle per opzioni e TAPOs), LMEmiq (fondamentale per le quote indicative e da sfruttare quando l’LMEselect è chiuso, tra le 19:00 e l’1:00) e LMEstage (agevola le strategie di trading e i test su di esse contro gli algoritmi in un mercato simulato).
[adrotate banner=”59″]

Autore: Simone Ricci

Classe 1982, laureato in Economia delle Imprese e dei Mercati all’Università di Roma Tre, si occupa da cinque anni di giornalismo finanziario e si sta perfezionando in Economia dell’Ambiente, dello Sviluppo e del Territorio. La grande passione è quella della storia economica, materia conosciuta e approfondita nella sua tesi e in diversi articoli. L’altro amore sconfinato è l’opera lirica, non a caso si diletta in recensioni teatrali, nel Lazio, Marche e Umbria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *