Argento : test del supporto di area 21$

Argento

Argento  – Spot

L’analisi giornaliera delle principali commodities trattate sui mercati finanziari, ci porta oltreoceano lì dove il silver viene scambiato per poco più di 21$ l’oncia (28,34gr), qualche dollaro in meno rispetto alla scorsa settimana durante la quale i prezzi, avevano raggiunto il livello top annuale di 22,18$.  Con l’ausilio di candele giornaliere andiamo quindi ad osservare il quadro tecnico dell’argento che tuttavia, rimane ben impostato a rialzo e può ancora offrire degli interessanti spunti operativi, stavolta sulla debolezza.

Analisi tecnica –  Argento Spot

La media mobile a 20 periodi ha subito un’accelerazione relativa alle ultime sedute, in accordo con quello che è stato il violento strappo rialzista che ha sospinto i prezzi dell’ argento ben oltre i livelli di barriera che hanno caratterizzato il quadro tecnico, nel recente passato. Non è di certo passata inosservata nel corso delle nostre analisi, la barriera statica e storica che ha impedito al silver di superare quota 20$ per tutto il periodo a cavallo tra il mese di dicembre ed i primi di febbraio. Infatti, proprio nelle recenti sedute,  il prezzo del silver ha subito un’ accelerazione rialzista della quale è testimone l’estesa bullish belt hold line che ha infranto sia la barriera di area 20$, sia il seguente livello tecnico di resistenza sito in area 21$. Il rally si è arrestato nei pressi di area 22$ e di li, come solitamente accade, il mercato è andato a testare il livello divenuto supporto, per validarne la propria bontà. Prima di far ciò tuttavia, i prezzi hanno lateralizzato per qualche seduta regalando doji line e spinning tops i quali sono stati precursori della candela ribassista che ha riportato i prezzi dell’ argento, sui livelli tecnici inferiori, indicati in precedenza.

[adrotate banner=”56″]

Immagine 1

Come operare

L’incidenza della forza relativa di periodo, sorretta dalla sinergia tra il supporto dinamico ed il supporto statico, pone in quadro tecnico del silver in un ottima prospettiva, specie se consideriamo l’importanza tecnica dei livelli infranti ed una potenziale inversione della tendenza di medio periodo; tendenza che, fino a qualche mese fa era improrogabilmente da considerarsi a ribasso. A fronte dei recenti affondi rialzisti ed alla correlata rottura della barriera dinamica ascendente di periodo (linea tratteggiata fine), il quadro tecnico ha subito un sostanziale miglioramento; le aree target nel breve periodo sono site sui 22$ (massimi relativi)  e sui 22,70$ (barriera statica).

(© riproduzione riservata)

[adrotate banner=”56″]

Autore: Fabio Brigida

Nato a Monopoli l’11 febbraio del 1985, appassionato di analisi tecnica, muove i primi passi nel mondo degli investimenti finanziari all'età di 26 anni. Nel 2012 ha conseguito con lode la Laurea Magistrale in Statistica per le Decisioni Finanziarie ed Attuariali presso l’ Università degli Studi di Bari ed attualmente collabora con diversi portali di finanziari, in veste di analista tecnico e trading advisor. Amante dei colori, i suoi principali interessi sono nella lettura, nella musica e nella casualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *