Segnali Operativi 18/01/2013

Pronti a fare il punto della situazione? Allora partiamo subito con l’euro-dollaro.

EUR/USD

Prosegue la nostra posizione long, tuttavia abbiamo visto che questa settimana il prezzo non si è mosso di molto dal punto di partenza, +12 pips per ora. C’è da stare attenti ad un ritracciamento? Sì, è possibile, quindi al primo segnale short ritirerò i profitti in attesa di una nuova entrata long a favore del trend principale.

USD/CHF

Per fortuna abbiamo avuto l’elasticità mentale necessaria per capire che l’euro si è staccato momentaneamente dal franco svizzero, infatti, come segnalato ad inizio settimana, per il momento la correlazione tra EUR/USD e USD/CHF è scarsa. Io sono entrato short e stavo guadagnando un bel po’, mi son dovuto accontentare di chiudere in parità quando ho visto il prezzo attraversare al rialzo la trend line ribassista. Le ultime tre candele fanno pensare ad una grossa indecisione da parte del prezzo, quindi penso non sia il momento adatto per entrare, sia short che long.

GBP/USD

La mia intuizione ha preso vita, il cambio ha regalato quasi 200 pips ai venditori, tuttavia non sono entrato perché non c’erano indizi concreti di ingresso… peccato!

USD/JPY

Altra settimana positiva per il nostro investimento di lungo termine! Direi di fermarci momentaneamente per vedere come reagisce il prezzo al livello 90 del prezzo.

USD/CAD

Avevamo individuato il livello importante a 0.9840, io sono entrato con la tecnica del rimbalzo a 0.9865, forse un po’ tardi (a causa della mia estrema prudenza) ma comunque in guadagno.

AUD/USD

I miei dubbi sono stati tutti smentiti dal prezzo che ha confermato che la resistenza a 1.06 è affidabile in questo momento ed è sceso favorendo le posizioni di vendita.

NZD/USD

Settimana abbastanza stabile per la nostra coppia NZD/USD. Ricordo che abbiamo preso il primo take profit e adesso siamo in attesa del secondo take profit posto sopra l’ultimo massimo.

EUR/GBP

Continua la marcia dell’euro contro la sterlina, complimenti a coloro che stanno tenendo la trade, io mi sono accontentato di poco più del 2% del mio account perché mi aspettavo un ritracciamento di breve periodo.

EUR/AUD

Beh, direi che siamo in linea con quanto previsto qualche giorno fa:

EUR/CHF

Come vi avevo anticipato, ero in attesa di un ingresso short importante e l’ho trovato:

Hanging man sul livello psicologico 1.24, come rifiutare! Adesso il prezzo sta andando un po’ contro le mie aspettative (-40 pips circa), però sono fiducioso. Il take profit è impostato a 1.22, uno dei punti più alti prima della rottura.

EUR/JPY

Ed ecco infine l’altro investimento a lungo termine che mi sta regalando molte soddisfazioni:

Sembra che non stia andando male anche questa settimana. Per oggi è tutto, appuntamento all’aggiornamento di domani. Buon trading!

Autore: Federico Sellitti

Classe 1990, Federico si avvicina giovanissimo al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui mercati valutari, grazie ad un corso di Finanza tenutosi nella sua provincia. Laureando in Economia e Commercio, ha una forte passione per le scienze statistiche e l'analisi tecnica sui mercati finanziari, inoltre pratica il gioco degli scacchi a livello professionistico, con diversi riconoscimenti e titoli in ambito nazionale ed internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *