Raccomandazioni per non cadere in errore nel mercato del Forex

Fare pratica su demo conti per almeno due mesi. Non bisogna accontentarsi di aprire un conto, ma bisogna imparare a fare forex nella pratica usando i conti demo, gratuiti e senza impegno. Proprio perché sono gratis è importante poter registrare almeno tre o quattro conti demo con diversi broker e piattaforme. Questo dà la possibilità di confrontare la qualità, la facilità, gli spread, la grafica, il tipo di lotto, ecc, tra diverse piattaforme; e alla fine scegliere quello che meglio si adatta ai mezzi e alla personalità di ognuno.

Durante il tempo in cui si sta negoziando in demo (non meno di 2 mesi), bisogna imparare tutto il possibile sull’analisi tecnica, in modo da essere in grado di identificare i modelli per determinare supporti e resistenze, valori di Fibonacci, e prendere familiarità con gli opportuni indicatori.

Quando finalmente si è acquistata padronanza si può pensare di aprire un conto reale. Per poterlo fare è necessario scegliere un broker il cui tipo di account permette di aprire un’operazione con un massimo del 3% del capitale investito. Supponiamo di avere un conto in cui l’operazione minima si apre a 5 euro ed una leva di 200:1. In tale account il capitale iniziale non deve essere inferiore a 170 euro (il 3% di 170 euro sono 5,1 euro).

Durante il primo mese di operazioni reali non si dovrebbero mai aprire operazioni simultanee. Il massimo numero di operazioni che si dovrebbero tenere aperte è un’operazione con lotto minimo. Questa raccomandazione è essenziale per rendere l’esperienza la più rilassante possibile.

Durante le operazioni del primo mese bisogna usare degli stop loss ragionevolmente stretti e fare profitti non troppo pretenziosi. Il capitale è ancora piccolo, l’esperienza è limitata, dunque è meglio non intraprendere operazioni a lungo termine.

Mai legare una posizione in perdita ad un’altra posizione in perdita, rispettare sempre lo stop loss e non espanderlo mai quando l’operazione è in perdita. Se il prezzo raggiunge lo stop loss, bisogna avere pazienza e prendersi il tempo di recuperare.

Quando si fa forex bisogna sapere che si sta facendo un lavoro serio. Andresti a lavorare in pigiama e in pantofole? Ovviamente no. Nello stesso modo, prima di sedersi davanti al computer per operare nel forex bisogna assicurarsi di essere pronto, vestito adeguatamente e riposato, inoltre l’ambiente intorno deve essere in ordine e in armonia.

Infine, la cosa più importante: stabilire in maniera rigorosa gli obiettivi di profitto. L’intenzione è quella di imparare a senza farsi travolgere dalla cupidigia.

Autore: Guglielmi Franco

Mi preoccupo di tenervi aggiornati sulle ultime notizie dal mondo del Forex in tempo reale, con approfondimenti sulle migliori notizie in campo economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *