Prima Analisi Col Sistema Di Trading

Salve a tutti, finora abbiamo introdotto nozioni teoriche per poter utilizzare il sistema, ma adesso è giunto il momento di andare a fare anche un po’ di esperienza sul mercato, quindi ci dedichiamo all’analisi dell’euro-dollaro. Un solo avviso prima di procedere: non abbiamo visto proprio tutto del sistema, ma abbiamo visto il necessario per poter svolgere una prima analisi, per questo oggi partiamo con la pratica.

Grafico weekly

Abbiamo visto in precedenza che per analizzare il grafico weekly utilizzeremo soltanto le definizioni di trend che ci sono state fornite da Dow. Per un approfondimento potete cliccare qui.
Ecco come si presenta il grafico weekly dell’euro-dollaro.

eurusdweekly

Come già visto in un recente articolo, siamo a favore di un trend rialzista, anche se può darsi che il nuovo massimo non sia quello indicato nel grafico perché il prezzo potrebbe ancora salire e formarne uno nuovo.

Grafico daily

Per analizzare il grafico daily ci serviamo delle definizioni di Dow ma anche di due strumenti di analisi tecnica, ovvero le medie mobili esponenziali e l’oscillatore stocastico. Maggiori dettagli sul grafico daily e sui parametri da impostare per gli oscillatori possono essere visualizzati qui.
Ecco come appare il grafico daily quest’oggi.

eurusddaily

Andiamo a valutare i tre punti principali:

– seguendo le indicazioni di Dow, possiamo notare che la coppia si trova in un uptrend secondario/principale poiché il trend dura da circa 3 mesi, quindi siamo a favore di movimenti rialzisti;
– la media mobile esponenziale di periodo più breve ha oltrepassato al rialzo la media mobile esponenziale a 20 periodi, anche qui ci possiamo schierare a favore di movimenti rialzisti;
– la linea nera dell’oscillatore stocastico sembra non avere una direzione precisa in questo momento, questo va interpretato come dato negativo, seguendo tale oscillatore non possiamo schierarci né a favore di un uptrend né contro.

Bene, abbiamo 2 indizi su 3 che ci portano a favore di un uptrend, quindi, essendo d’accordo con l’analisi effettuata sul grafico weekly, possiamo andare a svolgere l’analisi anche sul grafico a 15 minuti.

Grafico a 15 minuti

Questo è il grafico su cui andremo a prendere le nostre decisioni, quindi è meglio rivedere tutto ciò che serve qui. Vi ricordo che per analizzare il grafico 15M non c’è bisogno di nulla, solo di uno sguardo ai movimenti più recenti del prezzo.
Sul cambio euro-dollaro questa è la situazione che si presenta oggi.

eurusdm15

L’inizio della settimana è favorevole all’euro, infatti si può notare un gap rialzista seguito da un leggero movimento long durante la sessione di Tokyo: andremo a valutare solo posizioni long.
Vi ricordate le 3 condizioni che devono ricorrere TUTTE CONTEMPORANEAMENTE affinché si possa aprire una posizione rialzista?

– incrocio delle medie mobili al rialzo
– linea dell’oscillatore stocastico che punta verso l’alto
– linee MACD crescenti e sotto lo zero

Occhi aperti perché l’occasione potrebbe essere dietro l’angolo!
Ovviamente per adesso si può fare solo pratica perché ancora non abbiamo trattato argomenti fondamentali come la gestione della posizione, quando uscire, con quanto entrare ecc.
Nei primi giorni di pratica del sistema ci occuperemo soltanto del cambio euro-dollaro per non sovrapporre mille idee e mille analisi.
Bene, anche per oggi è tutto, buon trading!

Autore: Federico Sellitti

Classe 1990, Federico si avvicina giovanissimo al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui mercati valutari, grazie ad un corso di Finanza tenutosi nella sua provincia. Laureando in Economia e Commercio, ha una forte passione per le scienze statistiche e l'analisi tecnica sui mercati finanziari, inoltre pratica il gioco degli scacchi a livello professionistico, con diversi riconoscimenti e titoli in ambito nazionale ed internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *