Prestiti primo trimestre 2016, i finanziamenti per ristrutturazione i più richiesti

Secondo le ultime informazioni dell’osservatorio Prestiti Online, i finanziamenti per la ristrutturazione di casa sono stati, nel primo trimestre 2016, i più richiesti dagli italiani. Addirittura il 33% del totale delle richieste di finanziamenti di gennaio, febbraio e marzo sono state finalizzate per questo scopo, davanti alle domande di finanziamenti per l’auto (22,6% del totale) e a quelle di prestiti per nuovi arredi (16%).

Prestiti primo trimestre 2016, ecco come sono stati composti

Andando ad analizzare nello specifico le richieste di finanziamento che sono state erogate nel periodo di tempo considerato, poco meno di un quinto ha avuto una durata di 60 mesi, mentre circa il 15% sono state fatte con scadenza 48 mesi.

L’importo medio è stato di circa 11.900 euro, in calo rispetto alla media che venne registrata nei primi tre mesi dello scorso anno, quando è stata di poco superiore a 12.000 euro. Non c’è stata grande differenza rispetto al 2015, ma effettivamente c’è da considerare che le spese per ristrutturare casa non sono certo minime, anzi. A seconda dei lavori da svolgere, i prestiti che bisogna richiedere possono tranquillamente arrivare ad alcune migliaia di euro, come abbiamo potuto ben vedere.

La maggior parte dei finanziamenti sono stati richiesti nel nord Italia, poco più del 39%, poi il sud con meno del 39% e infine il centro con una percentuale di richieste pari al 22% circa.

Chiudiamo, infine, con le statistiche relative alle fasce di età dei richiedenti. La maggior parte di coloro che hanno fatto domanda di finanziamento hanno avuto un’età compresa tra 36 e 45 anni, seguiti da coloro che invece erano inclusi tra i 46 e i 55 anni.

Sembra che i giovani siano per lo più esclusi dalle domande di finanziamento e che banche e finanziarie preferiscano chi ha già una certa stabilità economica alle spalle. Ma, d’altronde, considerando le difficoltà economiche in cui la nostra economia ancora versa, c’era da aspettarselo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *