Oro, rimbalzo tecnico in atto. Era previsto

La prima metà della prossima settimana verterà su indicatori economici provenienti principalmente dal Vecchio Continente. Lunedì, ad esempio, avremo già un importante indicatore: l’indice dei prezzi di produzione della Germania: sia la versione mensile, sia quella annuale. Martedì, pur in un quadro davvero scarno di market movers, spiccano l’Opinione Tedesca del ZEW e lo stesso indice ZEW sulle condizioni economiche della Germania.

Mercoledì ecco entrare in scena la Gran Bretagna. Importantissimo il dato sulla variazione dei sussidi disoccupazione britannici, che potrebbero – a detta degli esperti – registrare un leggero calo. Altro market ad altissimo impatto è il tasso di disoccupazione britannico, anch’esso previsto in calo. Dati che se confermati potrebbero indurre ulteriori acquisti della Sterlina.

Da giovedì torneranno gli Stati Uniti. Ma prima ancora non mancheranno dati di rilievo dell’Eurozona, quali l’indice dei prezzi al consumo della Francia piuttosto che l’assicurazione privata mutuo della produzione tedesca. Da non sottovalutare neppure il dato sulle vendite al dettaglio in Canada, che potrebbero facilitare movimenti interessanti sui cross che hanno del Canadian Dollar una delle due valute contrapposte. Per quel che concerne gli US, invece, l’attesissimo dato sulla vendita di abitazioni esistenti potrebbe ripercuotersi sull’andamento del Dollaro. Senza scordare la variazione delle richieste sussidi disoccupazione, che a detta degli esperti non dovrebbero registrare cambiamenti importanti.

La sessione terminerà con pochi dati interessanti. Solo dal Canada avremo il dato – questo si fondamentale – sui prezzi al consumo. Inflazione che potrebbe registrare un leggero rialzo sia per quel che concerne il valore mensile, sia sul dato annuale.

Oro, si avvicina il set up di vendita

Negli ultimi giorni ci siamo occupati della costruzione di un set up di vendita sull’oro. Come evidenziato più volte, la Wolfe Wave si considera completa quando si susseguono 5 punti di una successione ciclica. Nel caso di un’onda rialzista, debbono esserci 3 massimi e 2 minimi relativi. Avendo ben chiaro il meccanismo, si può sfruttare la capacità previsionale dell’onda così come nel caso in oggetto. Si osservi l’immagine:

oro

Evidentemente, avendo 3 dei 5 punti necessari, si poteva supporre un rimbalzo tecnico tale da ricondurre l’oro oltre quota 1260 dollari l’Oncia. Previsione che si sta rivelando corretta, la sessione è terminata infatti a 1253 dollari. Se l’apprezzamento dovete proseguire, attenderemo che il prezzo si collochi al di sopra della trend line 1-3. A quel punto attenderemo la conclusione del rimbalzo, in modo da poter collocare il punto 5 (che servirà a posizione lo stop loss). Al momento, tuttavia, non vi sono ancora le condizioni. Chi invece ha scelto di seguire il nostro suggerimento e acquistare, può guardare fiducioso al take profit posto a 1260/1263 dollari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *