Oggi è il giorno della BCE: svelerà il suo QE

La Banca centrale europea oggi dovrebbe rivelare i dettagli del suo piano di acquisto di 1.1 miliardi di euro in attività della zona euro come parte del suo programma di allentamento quantitativo. Il Consiglio direttivo della BCE si reca a Cipro per una delle sue riunioni semestrali tenute a distanza dalla sua base di Francoforte. La riunione a Nicosia sarà tenuta dai governatori delle banche centrali nazionali e da sei funzionari top della BCE, tra cui il presidente Mario Draghi, che cercherà di mettere a punto i dettagli del progetto per comprare i titoli di Stato, presentato il mese scorso.

Nel tentativo di ripristinare la crescita e debellare la minaccia di un attacco debilitante di deflazione nella regione, la BCE e le banche centrali nazionali dovranno probabilmente iniziare a comprare titoli di stato e di debito delle istituzioni della zona euro. Gli acquisti andranno avanti fino a settembre 2016 e la BCE dovrebbe procedere con l’acquisto di poco più di 100 miliardi di euro in titoli di stato.

Ci sono una serie di altri dettagli del sistema ancora da decidere. In primo luogo, il regime giuridico di qualsiasi condivisione di perdita in caso di default sovrano e come distribuire i profitti del programma del QE tra le 19 banche centrali della zona euro. A differenza dei sistemi di acquisto di bond precedenti della BCE, l’ultimo programma è stato progettato per garantire che le banche centrali nazionali abbiano la maggior parte delle perdite da qualsiasi inadempienza o ristrutturazione del debito del loro paese.

Il Consiglio discuterà anche quanta flessibilità le banche centrali nazionali avranno sui vari legami di acquisto e se saranno costrette a comprare a qualsiasi prezzo. Diverse obbligazioni sovrane della zona euro, tra cui i Bund tedeschi, verranno scambiate a rendimenti negativi, con gli acquirenti che dovranno pagare di più di quello che avranno indietro a scadenza, cosa che potrebbe spingere verso l’alto i costi del programma di acquisto di obbligazioni.

Così come gli aspetti tecnici del programma di acquisto di obbligazioni, gli osservatori della BCE si aspettano una certa chiarezza sul grado in cui le condizioni economiche dovrebbero cambiare, per la banca centrale, al fine di modificare le dimensioni e il ritmo dell’acquisto di bond. Mentre l’attuale ciclo di acquisto di bond si concluderà nel settembre 2016, la banca centrale ha promesso di continuare ad acquistare 60 miliardi di euro ancora dopo e fino a quando l’inflazione non mostrerà dei segnali di raggiungimento di un valore del 2 per cento. La questione chiave è legata alle previsioni di inflazione. Draghi dovrebbe segnalare che è aperto a fare di più per comprare denaro più a lungo o addirittura acquistare più velocemente, a seconda delle necessità dell’economia.

Autore: Guglielmi Franco

Mi preoccupo di tenervi aggiornati sulle ultime notizie dal mondo del Forex in tempo reale, con approfondimenti sulle migliori notizie in campo economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *