Lunedì nuovo vertice per parlare della Grecia, Tsipras è positivo

Il primo ministro greco Alexis Tsipras oggi ha espresso ottimismo sulla riunione di emergenza chiamata per la prossima settimana per cercare di raggiungere un accordo di salvataggio, anche se altri leader sono apparsi sempre più preparati per un’uscita dolorosa di Atene dalla zona euro e sono pronti ad affrontare nuova crisi economica.

La Germania ha avvertito che saranno prese delle decisioni politiche al vertice organizzato in tutta fretta per lunedì, tranne se il governo greco presenta delle riforme che saranno approvate dai creditori internazionali.

Dopo cinque mesi di negoziati, a volte aspri, l’incontro segna una delle ultime possibilità di raggiungere un accordo. I ministri delle Finanze ieri non sono riusciti ancora una volta a conciliare le differenze tra Atene e i suoi creditori.

La Grecia deve pagare molti soldi al FMI il prossimo 30 giugno. I creditori e il Fondo monetario internazionale vogliono che la Grecia implementi altri tagli al bilancio, per lo più attraverso le pensioni, che dicono sono necessari per ripristinare la salute finanziaria a lungo termine del paese.

Tsipras ha descritto la decisione di tenere la riunione come positiva. “Ci sarà una soluzione basata sul rispetto delle norme dell’Unione europea e della democrazia che permetterà alla Grecia di tornare alla crescita all’interno dell’euro“.

I ministri delle finanze della zona euro terranno un altro round di colloqui lunedì pomeriggio e i progressi dipendono anche dal fatto se la Grecia sarà in grado di presentare un nuovo piano di tagli di bilancio.

Se l’accordo non dovesse essere presentato, il vertice diventerà probabilmente una consultazione finale e non sarà presa alcuna decisione. Il governo tedesco dice anche che “non è troppo tardi” per un accordo e si augura che sia ancora possibile.

I leader politici si stanno ora apertamente preparando ad un’uscita della Grecia, con il Fondo monetario internazionale che dice che le conseguenze sono gestibili per l’area della moneta unica nel suo complesso.

I risparmiatori sono invece preparati al peggio. I flussi di capitale in uscita si stanno avvicinando a circa 1 miliardo di € al giorno in Grecia, sollevando timori che le banche potrebbero essere a corto di liquidità già questo fine settimana.

Il consiglio direttivo della BCE terrà una conference call oggi per considerare la richiesta della Banca Centrale greca di avere dei prestiti di emergenza per tamponare i deflussi di ulteriori depositi.

In un’intervista al quotidiano austriaco Kurier, Tsipras ha cercato di fare pressione sui creditori per trovare un accordo, avvertendo che un’uscita del suo paese sarebbe l’inizio della fine dell’unione monetaria.

Autore: Guglielmi Franco

Mi preoccupo di tenervi aggiornati sulle ultime notizie dal mondo del Forex in tempo reale, con approfondimenti sulle migliori notizie in campo economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *