L’OPEC ha deciso di mantenere la produzione del greggio invariata

Nonostante il mercato petrolifero stia rischiando un’ulteriore volatilità dopo la decisione della settimana scorsa di restare con gli attuali livelli di produzione elevati, l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) ha detto nella sua ultima relazione di mercato che si è impegnata a commercializzare la stabilità.

Nel rapporto, uscito ieri, l’associazione dei produttori di petrolio ha giustificato la sua decisione di mantenere la produzione a 30 milioni di barili al giorno, ribadendo le previsioni che l’eccesso di offerta attuale del mercato dovrebbero scendere nei prossimi trimestri in un contesto di ripresa economica globale e di crescente domanda di petrolio. “Le proiezioni per i fondamentali del mercato indicano che l’eccesso di offerta attuale del mercato rischia di scendere nei prossimi trimestri“, ha detto l’Opec nel suo rapporto.

Sulla base di queste aspettative per il secondo semestre dell’anno, la Conferenza OPEC ha convenuto di mantenere la sua produzione a 30 milioni di barili al giorno e ha esortato i Paesi Membri ad aderire ad essa. Accettando questa decisione, i paesi membri hanno confermato il loro impegno per un mercato del petrolio stabile ed equilibrato, con i prezzi a livelli adeguati per i produttori e i consumatori.”

La decisione dell’OPEC è stata ampiamente vista come una continuazione della strategia di fare pressione sugli USA, che invece producono olio di scisto, un minerale che ha costi di produzione più elevati e quindi fa fatica a lottare con dei prezzi del petrolio più bassi, che attualmente stanno commerciando intorno a 65 dollari al barile per il Brent.

L’Arabia Saudita ha detto prima che si sente confortevole ad avere dei prezzi del petrolio più bassi, anche se non tutti i colleghi membri dell’OPEC hanno detto lo stesso. Il Venezuela, la Libia e l’Iran hanno chiesto un taglio della produzione. Nonostante la decisione, l’OPEC ha detto nella sua relazione che è stata presa per commercializzare la stabilità.

La crescita economica significherebbe un aumento della domanda di petrolio, secondo l’OPEC, con la domanda mondiale di petrolio che dovrebbe salire, con un conseguente incremento annuo di 1,2 milioni di barili al giorno rispetto all’anno precedente. Si prevede inoltre che l’offerta non OPEC dovrebbe declinare nel secondo semestre dell’anno a fronte di un aumento nel primo semestre, il che significa che le previsioni di domanda e offerta giustificano il mantenimento del tetto di produzione.

L’OPEC ha aggiunto, tuttavia, che “date le attuali incertezze di mercato” l’OPEC potrebbe seguire da vicino il mercato e rivalutare la situazione nella sua prossima riunione di dicembre.

Autore: Guglielmi Franco

Mi preoccupo di tenervi aggiornati sulle ultime notizie dal mondo del Forex in tempo reale, con approfondimenti sulle migliori notizie in campo economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *