Le tipologie di candele giapponesi, parte 3

Ecco altre tipologie di candele giapponesi che bisogna conoscere per poter investire al meglio con l’analisi tecnica. La Evening Star è una candela che si trova alla fine di un pattern rialzista ed indica una possibile inversione ribassista. La Doji star indica un rovesciamento del trend attuale. Le Doji sono le candele più forti in assoluto, che hanno un corpo praticamente nullo e delle ombre più o meno lunghe. Questo modello di solito indica una inversione dopo un lungo periodo di indecisione. È necessario attendere una conferma con degli indicatori prima di entrare nel mercato con una candela doji.

Shooting Star, un modello che suggerisce una inversione del trend quando si trova dopo un rally. La candela deve avere una lunga ombra superiore.

Altre tre candele Doji sono la long legged doji, una candela che indica spesso un punto di inversione del trend e che si ha quando il prezzo di  apertura e di chiusura sono uguali, una Dragonfly doji, che si verifica quando il prezzo di apertura e di chiusura sono uguali e il minimo è notevolmente inferiore ai prezzi di apertura, una Gravestone doji, una candela che si ha quando i prezzi di apertura, di chiusura e di minimo basso sono uguali, mentre il massimo è molto più elevato.

Una candela Harami indica una diminuzione nella quantità di movimento che fa una data valuta. Questa candela si verifica quando, tra due candele, il corpo della seconda è più piccolo rispetto a quello della prima, tanto da essere completamente incluso in esso.

Come abbiamo potuto vedere, la conoscenza della candele e delle loro formazioni è fondamentale nel mercato delle valute forex, tanto che senza di esse no è possibile fare trading in maniera corretta usando l’analisi tecnica. Con costanza e pazienza si riuscirà sicuramente ad investire al meglio, conoscendo sempre di più i mercati.

Autore: Guglielmi Franco

Mi preoccupo di tenervi aggiornati sulle ultime notizie dal mondo del Forex in tempo reale, con approfondimenti sulle migliori notizie in campo economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *