Le bande di Bollinger, ecco come usarle nelle opzioni binarie, parte 2

Abbiamo parlato delle bande di Bollinger nello scorso articolo e abbiamo iniziato a vedere che cosa sono e che vantaggi ci permettono di avere. Per poterle usare, per prima cosa bisogna ovviamente aprire la piattaforma di trading. A questo punto occorre personalizzare la visualizzazione del grafico che abbiamo di fronte, selezionando ad esempio un timeframe di 1 ora per ogni candela che si usa. A questo punto bisogna impostare le bande di Bollinger ad una media 20 giorni, valore che fornirà una gamma media di valori degli ultimi 20 giorni di negoziazione.

Quando si opera con questo strumento, si nota che per il 90% delle volte il prezzo rimarrà all’interno di tali bande, mentre quello che stiamo cercando è un breakout del prezzo sopra o sotto. Quando il prezzo rompe attraverso le linee di resistenza o di supporto, allora potremmo trovarci di fronte ad una situazione ben precisa, che può essere una continuazione del trend “rotto” oppure una inversione che punta al rientro del prezzo nelle bande. Entrambe queste situazioni danno delle ottime opportunità di profitto.

Attenzione alle false rotture, che sono l’ultimo esempio di cui sopra, dato che se si incappa in una situazione di queste si rischia di perdere molto denaro. Come considerazione di base possiamo dire che quando ci troviamo di fronte ad una rottura, sia della parte superiore che inferiore delle bande di Bollinger, ci troviamo di fronte ad un forte segnale di trading, che il più delle volte ci consente di investire con successo, a patto di farlo con attenzione.

La cosa migliore da fare, tuttavia, è cercare delle conferme usando anche altri indicatori. L’idea di usare le bande completamente da sole, infatti, potrebbe portarci fuori strada e farci perdere denaro. Molto infatti dipende anche dalla volatilità del mercato oltre che da notizie improvvise che si possono avere in un determinato momento di trading.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *