I mercati mondiali sono in rally, il greggio crolla

AZIONI

Tutti i mercati mondiali sono in rally con la minaccia di una guerra in Ucraina che è scesa. Il mercato estremamente ipervenduto in Russia è rimbalzato con forza ma deve ancora superare la zona di approvvigionamento a 1220-40 prima di poter essere definito un vero capovolgimento. La maggior parte dei mercati asiatici stanno commerciando in territorio positivo oggi. Il Nikkei ( 14.942,78, +1,50 %) ha raggiunto la zona di resistenza obiettivo di 15000 e, con brevi correzioni intermittenti, può salire verso 15.200-300.

Lo Shanghai ( 2.062,02, -0,46 %) sta consolidando un po’ dopo il forte raduno da 2015-20 a 2080. Dopo il consolidamento, può salire più in alto verso 2100-2110 se dovesse riuscire a rompere sopra 2075-77.

Il Dow ( 16.395,88, 1,41 %) ha ripreso il trend rialzista per tornare a 16400 dopo una rapida correzione di soli due giorni. Ora una pausa di successo sopra 16400-600 può farlo salire verso 17000.

COMMODITIES

Le commodities mostrano dei movimenti bruschi, con la tensione in Ucraina che scende, mentre il mercato del petrolio è caduto bruscamente. L’oro ( 1.336,59) è fuori dalla resistenza del canale e possiamo vedere qualche consolidamento laterale tra 1325 e 1350. La tendenza generale rimane, a breve termine, rialzista.

L’argento ( 21.19) rimane vario mentre si trova sotto 21,48 e può continuare così per qualche tempo. L’obiettivo di 22-22,20 tiene ancora per le prossime settimane. Il Rame ( 3,2110) è aumentato notevolmente e sta commerciando sopra 3.20. Mentre si trova sopra tale valore, possiamo aspettarci che possa salire fino a livelli più elevati, come 3,25-3,30, nel breve termine.

Il mercato del petrolio è sceso bruscamente con le tensioni Ucraina che sono scese e non sembrano esserci rischi di interruzione delle forniture di petrolio. Il Brent ( 109,24), è, come previsto, fuori dalla resistenza cruciale a 111,32-109. Mentre il supporto che si trova vicino a 109 tiene, potremmo vedere qualche movimento all’interno del range 109-110,10, prima di un’altra salita. Una caduta al di sotto di 109, potrebbe spingere il prezzo fino a 108. Il Nymex WTI ( 103.49) è sceso bruscamente fino a 103.30, se tale valore dovesse tenere, potremmo vedere un eventuale aumento fino a 104-106.

VALUTE

L’euro ( 1,3732) non è riuscito a rompere sopra la nostra resistenza principale a 1.3850 e questo fallimento mantiene il range tra 1,3850 e 1,3650. Il supporto maggiore arriva a 1,3550-75.

La sterlina ( 1,6667) può raggiungere 1,68 ora che si trova sopra 1,6640. La valuta si trova in una correzione del trend rialzista importante che può estendersi a 1,6540-1,65 solo se dovesse rompere il supporto a 1.66. Può raggiungere quota 1,69-1,7050 al termine delle correzione attuali. Tutti i cali fino a 1,6470-80 possono essere acquistati.

L’aussie ( 0,8946) ha raggiunto il nostro obiettivo di 0,90 prima di un indebolimento che lo fa rimanere nella vasta gamma 0,89-0,91.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *