I bond USA in aumento, sale l’euro

I titoli di stato venduti oggi hanno spinto l’euro nettamente più in alto rispetto al dollaro. I titoli a dieci anni del Tesoro degli Stati Uniti, il punto di riferimento per gli oneri finanziari a livello mondiale, hanno colpito il loro valore più alto dall’inizio di dicembre, mentre i rendimenti dei bund tedeschi a 10 anni hanno aggiunto 12 punti base al loro valore, arrivato ora allo 0,71 per cento.

La volatilità dei mercati obbligazionari ha pesato sui titoli, aggiungendo ansia agli investitori sullo stato pericoloso delle finanze della Grecia. Le azioni in Europa e in Asia sono scese e ci si aspettava che Wall Street seguisse la scia.

La Grecia è un motivo di preoccupazione per il mercato. Quando una particolare asset class passa attraverso periodi di estrema volatilità in un breve lasso di tempo, le persone sentono pressione e maggiori rischi.

Meno di un mese fa i rendimenti tedeschi a 10 anni hanno colpito un minimo record dello 0,05 per cento. I commercianti cercano ancora di spiegare il recente aumento dei rendimenti tra un aumento delle aspettative di inflazione, i prezzi del petrolio e la limitata liquidità causata dagli acquisti della BCE e molti sono usciti da un trade affollato.

E’ chiaro che il mercato non si è stabilizzato. Prima che la vendita possa iniziare la percezione comune era una bassa volatilità. Ora gli investitori sono più cauti, chiedono un premio per la volatilità vista di recente.

I rendimenti tedeschi sono saliti a 1,1265 dollari dopo essere caduti vicino al minimo  di 1,1131 ieri dollari nel commercio asiatico. In rialzo dello 0.9 per cento anche EURJPY a135,02. L’indice del dollaro, che valuta il dollaro contro un paniere delle principali valute, è sceso dello 0,7 per cento. Lo yen è stato in salita dello 0,2 per cento arrivando a 119,88 per un dollaro.

Negli Usa i rendimenti a 10 anni, che sono stati guidati ad un livello superiore nelle ultime settimane dai Bund tedeschi, si trovano al livello più alto dalla fine di novembre.

I rendimenti elevati degli Stati Uniti significano maggiori costi di finanziamento delle imprese e la cosa potrebbe colpire le azioni in tutto il mondo.

Gli investitori sono anche preoccupati del fatto che il debito della Grecia potrebbe far esaurire le scorte di denaro contante. Nella zona euro i ministri delle finanze, che si sono incontrati ieri, hanno riconosciuto i progressi nei colloqui tra la Grecia e i suoi creditori, ma hanno detto che c’è bisogno di ancora più lavoro per chiudere l’affare.

I prezzi del petrolio, in crescita di oltre il 50 per cento dai minimi di gennaio, sono saliti ulteriormente.

Autore: Guglielmi Franco

Mi preoccupo di tenervi aggiornati sulle ultime notizie dal mondo del Forex in tempo reale, con approfondimenti sulle migliori notizie in campo economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *