La Grecia paga il FMI, si tira un sospiro di sollievo

La Grecia ha fatto sapere di aver fatto un pagamento di 200 milioni di euro di interessi al Fondo monetario internazionale (FMI) proprio oggi. Si continua pertanto a parlare del futuro del programma di salvataggio della Grecia, delle riforme e, cosa più importante, della sua capacità di evitare di essere inadempiente sul debito. Un funzionario greco ha detto a Reuters che il pagamento è stato “fatto” per questa volta, ma ci sono dei dubbi sul fatto che il paese abbia abbastanza soldi per riuscire a mettere in piedi un pagamento di 750 milioni di euro dovuto il prossimo 12 maggio.

Robert Kuenzel, direttore di ricerca presso Daiwa Capital Markets, ha detto che ulteriori rimborsi dovuti al FMI significano che la Grecia potrebbe continuare a sperare nella continuazione in zona euro.

I negoziati tra la Grecia e le autorità di salvataggio internazionali sono ancora in corso, il che significa che un esborso immediato sembra fuori discussione. La Grecia dovrà di nuovo “provvedere a se stessa nel soddisfare i 750 milioni di rimborso dovuti al FMI.” I rimborsi hanno senza dubbio messo ulteriormente sotto pressione il governo greco, che già vive una terribile situazione. Nel frattempo, i negoziati probabilmente lasceranno un grande abisso tra le proposte di riforma della Grecia e le richieste dei creditori.

Il ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis ha detto che sono stati fatti progressi sufficienti per mettere in piedi delle “discussioni fruttuose” alla prossima riunione dei ministri delle finanze della zona euro, prevista per l’11 maggio.

Nonostante l’affermazione di ieri da parte del ministro delle finanze relativamente ai progressi del paese, le proverbiali ossa della discordia (le riforme del mercato del lavoro e delle pensioni aziendali, così come gli obiettivi fiscali) appaiono troppo politicamente sensibili per trovare un accordo globale in tempo per il prossimo lunedì.

In un disperato bisogno di fondi, il governo greco ha ordinato agli enti locali di trasferire le loro riserve di liquidità al governo centrale. Nel frattempo, la Grecia è in una serie di trattative in corso con i creditori e con gli organismi che sorvegliano il programma di salvataggio, il Fondo monetario internazionale, la Banca centrale europea e la Commissione europea, oltre che le riforme e gli aiuti finanziari. Il progresso sembra essere lento, tuttavia, e senza un prestatore che possa rilasciare l’ultima tranche di aiuti di salvataggio potrebbe esserci il rischio di una bancarotta. I prossimi giorni saranno, come al solito, molto importanti per il governo ellenico.

Autore: Guglielmi Franco

Mi preoccupo di tenervi aggiornati sulle ultime notizie dal mondo del Forex in tempo reale, con approfondimenti sulle migliori notizie in campo economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *