La Grecia minaccia l’UE: non pagheremo il FMI

La Grecia minaccia di andare in default sul rimborso di 750 milioni di euro da pagare al Fondo Monetario Internazionale martedì prossimo a meno che la zona euro rilasserà le condizioni di salvataggio del paese.

Alexis Tsipras, il primo ministro greco, sta spingendo per far sì che Atene possa raccogliere fino a 10 miliardi di euro di nuovo debito pubblico. Qualsiasi accordo richiederebbe l’approvazione della Banca centrale europea (BCE). C’è un tappo di 15 miliardi di euro sul valore del debito a breve termine che il governo greco è autorizzato a emettere.

A meno che la zona euro non si impegna ad un “allentamento della posizione della BCE in materia di liquidità”, allora la Grecia andrà di default il giorno seguente, secondo i documenti trapelati dal governo di Tsipras. “Se non ci sono mosse chiare, il paese non esiterà a muoversi verso una stretta creditizia non pagando la rata al FMI prevista per la metà di maggio dato che il denaro attualmente disponibile è sufficiente solo per salari e pensioni”.

La Grecia ha rimborsato 200 milioni di euro al FMI ieri, ma non dovrebbe essere in grado di pagare la somma più grande prevista per la prossima settimana senza rimanere a corto di soldi per pagare le pensioni statali e i salari del settore pubblico alla fine del mese.

Syriza vuole che i ministri delle finanze della zona euro possano accettare di consentire alla BCE di elevare la soglia di legge di titoli a 25 miliardi di euro. Ciò consentirebbe di Atene di pagare rate per 3 miliardi di euro il mese prossimo, ma senza emanare tutte le nuove riforme economiche richieste dai creditori.

Il ministro greco ha detto che se i ministri delle Finanze della zona euro continueranno a rispettare le linee rosse sulla riduzione del debito, l’austerità, i tagli alle pensioni e le riforme del mercato del lavoro, allora Tsipras potrebbe esseere messo sotto pressione dal suo stesso partito di default.

Se il governo greco non riesce a pagare il FMI martedì, ci sarà un periodo di 30 giorni prima che sia formalmente messo in mora. Allo stesso tempo, il paese finirebbe in violazione dei suoi impegni verso la zona euro e potrebbe finire fuori dalla moneta unica.

La BCE ha previsto, in seguito ad una riunione di ieri, di estendere l’aiuto di emergenza per le banche greche, ma non procederà finché non sarà raggiunto un accordo definitivo tra la Grecia e i ministri delle Finanze della zona euro.

Autore: Guglielmi Franco

Mi preoccupo di tenervi aggiornati sulle ultime notizie dal mondo del Forex in tempo reale, con approfondimenti sulle migliori notizie in campo economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *