Gli strumenti finanziari più comuni per fare forex

Come commerciante di valuta, ci sono numerosi tipi di strumenti finanziari che è possibile utilizzare per fare soldi. Mentre i commercianti di forex al dettaglio in genere utilizzano le opzioni in valuta estera come strumento di copertura, le banche sono più propense a utilizzare gli swap e altri derivati ​​più complessi per soddisfare le loro particolari esigenze di copertura. Alcuni degli strumenti finanziari comuni utilizzati nel Forex sono le transazioni a pronti, i contratti a termine, i futures, gli swap e le opzioni.

Una transazione a pronti, nota anche come “spot”, è un accordo per comprare o vendere una valuta al tasso di cambio corrente. In altre parole, si tratta di un semplice scambio di una valuta per un’altra. E ‘generalmente risolta entro due giorni dopo la data di negoziazione e comporta uno scambio di contanti invece che della creazione di un contratto a lungo termine.

Le valute sono scambiate al tasso di cambio al momento del contratto. Le transazioni spot portano ad un alto rischio perché non forniscono una protezione contro i movimenti sfavorevoli dei tassi di cambio e la necessità di acquistare o vendere la valuta estera.

I forward sono delle operazioni che implicano l’acquisto o la vendita di una valuta estera come regolamento in non meno di tre giorni e a tassi di cambio predeterminati. In breve, un acquirente e venditore si accordano per commerciare una valuta in un momento e ad un tasso di cambio, indipendentemente da come esso è quando la transazione è stata in realtà fatta.

Un contratto futures è un contratto a termine con un predeterminato ammontare di valuta, data di scadenza e importo degli interessi. Si tratta di un accordo per comprare o vendere una valuta ad un prezzo determinato dal compratore e dal venditore. Questi contratti sono standardizzati e negoziati sui mercati a termine, come il Chicago Mercantile Exchange (CME).

In un’operazione di swap una valuta viene scambiata per un’altra per un periodo di tempo specificato. L’operazione è invertita in una data futura, in cui gli importi originari sono scambiati nuovamente. I due scambi avvengono a tassi differenti.

Un’opzione è simile ad un contratto a termine in quanto prevede una transazione valutaria fissata in un futuro punto nel tempo. Un’opzione conferisce al titolare il diritto, ma non l’obbligo, di acquistare o di vendere l’opzione ad un tasso di cambio fisso, chiamato prezzo di esercizio, entro la data di scadenza.

Autore: Guglielmi Franco

Mi preoccupo di tenervi aggiornati sulle ultime notizie dal mondo del Forex in tempo reale, con approfondimenti sulle migliori notizie in campo economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *