Forex, imparare dall’esperienza per non fare sempre gli stessi errori

Far forex non è semplice, lo sappiamo bene. Molti dicono di si, ma la realtà è esattamente l’opposto di quello che in tanti vogliono far credere: non è un caso che, di tutti quelli che ci provano ad avere successo con il mercato delle valute, solo il 5%, effettivamente, alla fine ce la fa. Perché così pochi? Quali sono gli errori che la maggior parte delle persone fanno?

Per scoprirli è semplicemente possibile andare a spulciare tra le esperienze reali passate dei trader che hanno avuto più o meno successo con il mercato valutario.

Credere che fare forex sia dover stare sempre dentro il mercato è il primo, grande, errore. Tale sbaglio è scatenato, per la maggior parte delle volte, dal fatto che il mercato valutario è aperto 24 ore su 24 e, dunque, c’è sempre tempo per poter entrare e uscire, per guadagnare.

Si fa l’errore di immaginare che ogni minuto passato fuori dal mercato, sia un minuto perso in cui non si guadagna denaro.

Se la si guarda da un’altra prospettiva, non quella del guadagnare soldi con il forex, ma quella di non perdere denaro, tutto assume un altro sapore e si capisce bene come conviene entrare nel mercato solo se si ha la certezza (o quasi) di non perdere, solo se si può prevedere con precisione quasi assoluta la futura direzione della coppia di valute che si ha di fronte.

Credere di essere invincibili è un altro grande errore che fanno di solito i principianti del forex. Le prime volte che si fa trading, se si chiudono alcune posizioni in positivo, una di seguito all’altra, si può pensare di aver subito trovato il famoso “Sacro Graal”, la strategia grazie alla quale la nostra vita è pronta a prendere una svolta radicale.

Si tende ad essere più confidenti in quello che si fa, ad aprire posizioni sempre più azzardate, ad usare sempre più leva finanziaria, e si finisce con il perdere tutto il denaro investito.

All’inizio, il successo continuativo nel forex è dovuto alla classica “fortuna del principiante”, non si ha ancora la forza (né strategia, neanche mentale) di guadagnare in maniera costante.

Non bisogna mai dimenticare che, tra il trader e il mercato, è sempre il mercato quello con il coltello dalla parte del manico.

Questo concetto, come suggerito anche da portali specifici come Forex Trading Italia, vale in ogni momento e in ogni situazione, da quella di decidere di iniziare ad investire con denaro reale nel forex online fino a quella di sapere come gestire i guadagni, dalla scelta di un broker fino alla gestione dei rischi. Bisogna fare tutto prendendo le giuste decisioni, cosa possibile solo se non si crede di essere imbattibili e se si ha “paura” del proprio avversario.

Credere di essere molto scarsi è il terzo errore tipico, opposto a quello di prima. Se si chiudono delle posizioni consecutive in perdita, si pensa subito che la propria strategia non funziona, che non si è tagliati per il mercato valutario, che è meglio lasciar perdere. Sapete quanti soldi hanno perso anche i migliori investitori del mondo prima di diventare trader di successo? Milioni e milioni. Ma la perseveranza ha vinto su tutto.

Non fissare degli obiettivi e non imparare dai propri sbagli è il quarto errore. Gli obiettivi monetari da raggiungere sono importanti perché ci mettono di fronte alla possibilità di fissare un traguardo cui arrivare, che però non deve essere difficilissimo altrimenti si perde interesse, ma neanche troppo facile altrimenti si rischia di pensare che il forex sia semplice e si corre il rischio di fare l’errore numero 2, di cui abbiamo parlato prima.

Allo stesso modo, ignorare i propri sbagli è errato, perché è da essi che si può fare trading in maniera migliore e più efficiente, più efficace nel tempo. Capire perché si è perso denaro, perché si è sbagliato, e assimilare l’errore (non dire solo “vabbé, ho sbagliato”, facendoselo scivolare addosso), è fondamentale per diventare un trader migliore e non commettere più lo stesso sbaglio.

In conclusione, possiamo dire che essere forti psicologicamente è importante per fare trading con successo nel mercato delle valute. Se dovessimo dare un voto di importanza alla psicologia applicata agli investimenti, da 1 a 10, diremmo che essa vale 8, mentre il rimanente 2 è pura tecnica.

Questo è per dire, per farvi capire, che la cosa più importante da fare nel mercato delle valute, è quella di lavorare sulla propria forza psicologica, sulla propria capacità di gestione dei rischi, e che solo così è possibile migliorarsi e guadagnare denaro nel forex, magari anche con l’obiettivo di diventare un trader di professione, perché no.

Lavoro e perseveranza, in fondo, portano ovunque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *