Draghi difende il programma di acquisto di bond

Il presidente della Banca centrale europea ha difeso il suo programma di acquisto di asset dicendo che i benefici sono già in essere per i consumatori e per le imprese ed essi sono tali da proteggere il resto della zona euro dalle turbolenze politiche in Grecia. Gli sviluppi puntano nella giusta direzione, ha detto il presidente della banca Mario Draghi in una conferenza di economisti e analisti specializzati in politica monetaria. Draghi ha osservato che il tasso di disoccupazione della zona euro, mentre è ancora al 11,2 per cento, è al suo livello più basso dal 2012.

Inoltre, ha detto che gli oneri finanziari per i governi della zona euro sono diminuiti da quando la Banca centrale europea ha iniziato la segnalazione, l’anno scorso, che era probabile iniziare l’acquisto di titoli di Stato per stimolare la crescita e spingere l’inflazione via dai livelli pericolosamente bassi.

La banca centrale ha cominciato ad acquistare titoli di Stato lunedì e l’euro già sta risentendo della cosa scendendo contro le altre valute. Un recente calo dei tassi di interesse per i titoli di Portogallo e altri paesi si è verificato “nonostante la nuova crisi greca”, ha detto Draghi. “Questo suggerisce che il programma di acquisto di asset può anche proteggere altri paesi dal contagio.

I tassi di interesse sulle obbligazioni hanno continuato a cadere anche ieri, con il rendimento dei titoli a 10 anni della Germania che si trova al minimo dello 0,213 per cento e il rendimento dei titoli del Portogallo che si trova al minimo del 1.674 per cento. La stampa di euro per acquistare obbligazioni ha contribuito a spingere la nostra valuta fino a un minimo di 12 anni contro il dollaro. Draghi ha anche previsto che una pressione al ribasso sull’inflazione, caduta in territorio negativo.

La Germania è il centro dell’opposizione alle politiche della Banca centrale europea e questo è forse uno dei maggior muri da superare per la BCE.

Spingere verso il basso i tassi di interesse di mercato sul debito pubblico e gli acquisti di asset hanno ridotto la pressione sui governi per controllare la spesa, dicono i critici. L’impatto positivo degli acquisti di asset sulle condizioni di finanziamento potrebbe portare le imprese ad essere incoraggiate nell’aumentare gli investimenti da fare, anticipando la ripresa economica che stiamo attendendo da diverso tempo oramai. La stabilità politica monetaria e le riforme strutturali sono in ogni caso fondamentali per la corretta e reale ripresa economica della zona euro.

Autore: Guglielmi Franco

Mi preoccupo di tenervi aggiornati sulle ultime notizie dal mondo del Forex in tempo reale, con approfondimenti sulle migliori notizie in campo economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *