Draghi conferma che le azioni della BCE stanno avendo effetto sull’UE

Il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi ha detto ai banchieri centrali del mondo che le prospettive economiche per la zona euro sono oggi più brillanti di quanto non sono mai state per sette lunghi anni.”

Parlando ad una conferenza della BCE in Portogallo, Draghi ha suonato una nota positiva sul futuro della moneta unica, ma ha avvertito che le riforme strutturali sono cruciali.

“Le prospettive economiche per l’area dell’euro sono oggi più brillanti di quanto non sia stato per sette lunghi anni. La politica monetaria sta lavorando attraverso l’economia. La crescita è in ripresa. Le aspettative di inflazione hanno recuperato dalla depressione. Ovviamente questa non è affatto la fine delle nostre sfide”.

Continuando, il numero uno della BCE ha detto che “una ripresa ciclica da sola non risolve tutti i problemi dell’Europa. Non elimina la sporgenza del debito che interessa alcune zone dell’Unione. Non elimina l’elevato livello di disoccupazione strutturale che tormenta troppi paesi. E non elimina la necessità di perfezionare l’assetto istituzionale della nostra unione monetaria.”

I commenti arrivano il giorno dopo che Draghi ha toccato una nota cupa sulla crescita nella regione, dicendo ad una conferenza sulla disoccupazione, sempre in Portogallo, che “la crescita è troppo bassa ovunque” nei 19 paesi della zona euro, nonostante una modesta ripresa.

Nonostante il basso livello di crescita, l’economia della zona euro sta migliorando, essendo cresciuta dello 0,4 per cento nel primo trimestre del 2015 secondo quanto dimostrato dai dati all’inizio di questo mese, superando anche gli Stati Uniti.

A pesare sulla zona euro sono le preoccupazioni di paesi come la Grecia, la Francia e l’Italia, dove il progresso sta crescendo nonostante l’attuazione delle riforme strutturali è stata lenta. Draghi ha ribadito l’importanza delle stesse riforme strutturali in tutta Europa, al fine di aumentare la crescita a lungo termine. “Essere nelle prime fasi di una ripresa ciclica non è un motivo di rinviare le riforme strutturali, ma è in realtà l’occasione per accelerarle”, ha detto, esaltando i benefici delle stesse.

Secondo il numero uno della BCE, “in primo luogo le riforme strutturali sollevano la crescita potenziale, in secondo luogo rendono le economie più resistenti agli shock economici.”

La situazione della zona euro è ancora delicata, anche se l’euro sembra attualmente in fase di crescita contro le altre valute, sintomo – anche questo – del fatto che gli investitori si stanno fidando dell’Europa e premiano la sua moneta.

Nuove sfide sono comunque attese in EU nei prossimi giorni.

Autore: Guglielmi Franco

Mi preoccupo di tenervi aggiornati sulle ultime notizie dal mondo del Forex in tempo reale, con approfondimenti sulle migliori notizie in campo economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *