Dow in calo, Nikkei in target

AZIONI

Il Dow (16.429,47, -0,84%) è sceso di nuovo dopo la pausa proprio come previsto e ha raggiunto la più vicina zona di supporto di 16.300-200, da dove alcuni acquirenti sono emersi a spingere fino a 16.600 ancora una volta. Il Dax (9189,74, 0,39%) ha fermamente abbattuto il supporto a lungo del canale di 2 anni 9400-350 per segnalare la debolezza a lungo termine. Per ora, un rimbalzo correttivo si può aspettare da questa area di supporto a breve termine e a 9150-9000 più in calo.

Il Nikkei (15.167,60, -1.00%) ha raggiunto il nostro livello target di 15200 in una brusca caduta, segnando una grave debolezza. Se la banda di supporto di 15.100-50 non riesce a tenere, il prezzo potrebbe cadere a 14.800-600. Lo Shanghai (2.200,77, -0,86%) si trova ad affrontare un attacco di prenotazione di profitto da 2.230, proprio come previsto. Dopo questa correzione, si ha un raduno di nuovo verso la resistenza finale a lungo termine di 2260-70.

Il Nifty (7.746,55, 0,82%) ha chiuso la giornata con un guadagno di salute dopo che l’SLR è stato tagliato dalla RBI. Per estendere il rally a livelli più elevati di 7810-40, si ha bisogno di commerciare sopra 7760 ora, altrimenti qualche prenotazione si può avere.

COMMODITIES

La forza del dollaro sta spingendo i metalli più in basso e prosegue così nella bearishness a breve termine per i metalli. I mercati petroliferi sono in trading così basso. L’oro (1.289,63) è stabile e scambia un po’ più in alto. Noi non vediamo alcun consolidamento laterale nel breve termine nella regione di 1280-1300 a meno che questa gamma dovesse rompere. Una ulteriore direzione non può essere determinata. In generale la tendenza a lungo termine è giù.

L’argento (19.845) è sceso bruscamente ieri e ancora una volta testa il supporto cruciale nei pressi di 19,5-18,5 nel breve termine. La pressione ribassista si libra nelle prossime sedute. Il rapporto oro-argento (65 015) è salito bruscamente e la resistenza obiettivo nei pressi di 65,5 nel breve termine è ancora valida. Il Rame (3,1950) è così sceso ora al di sotto di 3,20 e si potrebbe vedere qualche correzione verso 3,15-3,10 nel breve termine.

Il Nymex WTI (97.67) perciò rientra come detto in precedenza e presto potrebbe testare il supporto settimanale a lungo termine nei pressi di 96 da cui potremmo vedere un rimbalzo verso l’alto. Il Brent (104,96) sembra essere di nuovo entrato in un consolidamento a breve termine dopo la caduta da 107,86 di recente. Senza una direzione chiara è una cosa che non può cambiare. Gli orsi sembrano dominare per ora, mentre si trova sotto 106 mentre si trova sopra 104.39 in un movimento laterale che potrebbe essere previsto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *