Disoccupazione: a chi spetta e quanto dura

A chi spetta la disoccupazione? Quali sono le categorie di lavoratori che possono accedere a questo trattamento e quanto dura? Andiamo a rispondere, in questo approfondimento, a tutte queste domande.

La situazione attuale relativa alla disoccupazione risale al 2015, quando il Jobs Act del Governo Renzi ha introdotto tre nuove indennità di disoccupazione: NASpI, ASDI e Dis Coll.

NASpI, la classica indennità di disoccupazione

La NASpI è il classico sussidio di disoccupazione, quello che sostituisce l’assegno di disoccupazione che venne introdotto con la riforma Fornero. Entrata in vigore a partire dal 1° maggio 2015, prevede delle nuove modalità di calcolo dell’assegno stesso.

ASDI, per chi a fine NASpI non ha ancora un lavoro

L’ASDI spetta a quei lavoratori che, finita la NASpI, sono ancora senza lavoro. Tre i requisiti per potervi accedere: avere più di 55 anni, avere dei minori carico, avere un reddito ISEE inferiore a 5.000 € . L’ASDI dura 6 mesi.

Dis Coll, per i collaboratori coordinati e continuativi

Dis Coll è una misura di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi a progetto, a sostegno di tutti quei lavoratori che perdono il posto di lavoro in maniera involontaria, che non sono pensionati e non hanno partita IVA.

L’importo della Dis Coll è del 75% del proprio reddito, a patto che sia inferiore a 1.195 € . Se, invece, il reddito è sopra tale valore, allora l’indennità sale fino a 1.300 € .

La durata della Dis Coll è uguale al 50% del numero di mesi in cui si sono versati i contributi a partire dal primo gennaio dell’anno solare precedente a quello in cui si è cessato il lavoro.

Chi può avere la NASpI

L’indennità di disoccupazione NASpI spetta a tutti coloro che hanno perso il lavoro in maniera involontaria a partire dal 1° maggio 2015 e rispettano determinati requisiti:

  • sono in disoccupazione;
  • nei 4 anni precedenti al licenziamento hanno almeno 13 mesi di contributi;
  • hanno fatto almeno 30 giornate di lavoro nei 12 mesi prima del periodo di disoccupazione, indipendentemente dai contributi versati.

Questa nuova indennità di disoccupazione è accessibile a tutti i dipendenti a tempo indeterminato, determinato, apprendisti, soci di cooperative e personale artistico con rapporto di lavoro subordinato.

Non possono accedervi, invece, i co.co.co., per i quali è possibile avere accesso alla Dis Coll.

NASpI per chi lascia il lavoro per giusta causa o per rescissione consensuale

L’indennità di disoccupazione spetta anche a quei lavoratori che hanno lasciato il lavoro volontariamente, ma per giusta causa, e quelli che hanno rescisso, in maniera consensuale con il datore di lavoro, il contratto.

Durata della disoccupazione

Al momento attuale, la disoccupazione NASpI dura 24 mesi e spetta per un numero di settimane pari al 59% delle settimane di contributi versati nei 4 anni precedenti.

Per i precari, invece, la durata massima della disoccupazione è pari a 6 mesi.

Calcolare l’indennità di disoccupazione

L’importo che si riceve in qualità di indennità viene calcolato sulla base della retribuzione mensile: si sommano tutte le retribuzioni imponibili da un punto di vista previdenziale che sono state ricevute negli ultimi 4 anni, si divide il risultato per il numero di settimane in cui si sono versati i contributi ed il risultato va moltiplicato per 4,33.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *