Demografia, Popolazione Mondiale: Numero e Crescita degli Abitanti del Mondo

E’ uno dei problemi principali con i quali dovremo avere a che fare in futuro, uno di quelli sul quale più di qualche esperto sta “sbattendo la testa” già da un po’, ovvero il dilemma della popolazione mondiale, un numero in continua crescita.

I problemi principali che sono legati all’aumento, secondo alcuni esponenziale, del numero di abitanti sul nostro pianeta, è legato sia all’ambiente che al cibo: e se un giorno dovessimo accorgerci che siamo così tanti che il pianeta Terra non è più in grado di far fronte alle nostre necessità?

Quanti siamo oggi?

Secondo delle stime, oggi nel mondo siamo circa 7,3 miliardi di persone, un numero spropositato se si pensa che solo 100 anni fa eravamo poco più di 1,6 miliardi. Cina, India e Stati Uniti sono le prime tre nazioni al mondo per numero di persone, rispettivamente con 1,4 miliardi, 1,2 miliardi e 320 milioni di persone. Nessuno degli stati europei si trova entro i primi 10 posti, con la Germania che è il paese più popoloso, con circa 80 milioni di persone, e l’Italia che si trova in 23° posizione con poco più di 60 milioni di persone circa.

Quanto cresce la popolazione mondiale?

Secondo alcuni esperti, l’incremento della popolazione mondiale in termini di velocità ha già raggiunto il suo zenit e ora sta rallentando. L’ONU, tuttavia, ha previsto che entro il 2030 saremo circa 8,5 miliardi di persone, nel 2050 9,7 miliardi e nel 2100 saremo circa 11,2 miliardi.

L‘aumento della popolazione maggiore in termini di velocità lo si avrà in quei paesi in via di sviluppo, come in Africa, dove il tasso di natalità è di circa 45 , mentre quello di mortalità si attesta attorno a 10. Di conseguenza, ogni anno, sono 3 volte di più le persone che nascono rispetto a quelle che muoiono. Per fare un confronto con il nostro paese, il tasso di natalità è di 9, mentre quello di mortalità è pari a 10. Entro il 2100 si prevede che l’Africa aumenterà il numero della sua popolazione di oltre il 270%, arrivando a circa 4,2 miliardi di persone.

Andando ad approfondire il tasso di natalità tra le nazioni africane, al primo posto troviamo la Nigeria, il paese dove, si prevede, il numero di abitanti aumenterà in maniera più veloce.

Rischi della sovrappopolazione

Ma quali sono i rischi più grandi di un eccessivo numero di persone nel mondo? Il primo, quello che preoccupa di più, è la mancanza di risorse. Ad oggi, la popolazione mondiale consuma tutte le risorse prodotte in 12 mesi, in un arco di tempo di soli 6 mesi. Questo significa che ci vogliono 2 anni di produzioni per sfamarci per 1 anno intero.

Con l’incremento della popolazione mondiale è lecito pensare che questa disparità aumenterà ancora, dunque ci sarà un bel da fare nel corso dei prossimi anni.

Oltre che per un discorso di risorse, gli esperti sono molto preoccupati anche del cambio climatico: oggi, ogni anno, muoiono circa 300.000 persone per problemi legati all’ambiente, mentre solo 15 anni fa questo numero era fermo a 150.000 .

Come si può risolvere il problema della sovrappopolazione?

Controllare le nascite è sicuramente un punto importante, ma anche riuscire a trovare altre risorse e altre soluzioni che possano garantire la vita nel medio / lungo periodo è fondamentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *