Curiosità sul Forex in “Pillole di Forex”

Il Forex, o Foreign Exchange Market, è il mercato internazionale delle valute. Tale mercato si caratterizza in quanto, non solo è il mercato più grande al mondo, dal momento che raccoglie le operazioni di acquisto e vendita di una valuta nei confronti di un’altra da parte di diversi investitori istituzionali come banche centrali, banche d’investimento e istituzioni finanziarie di diverso tipo, speculatori valutari, governi, aziende multinazionali, ma è un mercato globale che non ha confini né territoriali né temporali. Si tratta di un mercato over-the-counter, in cui le contrattazioni avvengono al di fuori dei normali listini di borsa. Infatti, in ogni momento del giorno innumerevoli contratti sono conclusi su base bilaterale dagli operatori valutari appartenenti a Paesi e continenti di ogni parte del globo terrestre.

Alcuni cenni storici sulla nascita dell’odierna configurazione del Forex

A tutto ciò ha contribuito la deregolamentazione valutaria avvenuta in tutti i maggiori Paesi insieme all’attuale tecnologia ed i moderni strumenti di comunicazione che hanno gradualmente travolto il concetto di separazione dei mercati ed hanno quindi portato alla nascita di un’unica grande piazza mondiale per lo scambio delle valute.
Per molto tempo l’accesso a tale mercato è stato precluso ai piccoli investitori privati, che quindi erano esclusi dalle contrattazioni sulle principali valute a causa dell’eccessiva dimensione dei lotti minimi negoziabili e quindi degli stringenti requisiti di capitale richiesti. A seguito però della possibilità di frammentazione dei lotti utilizzati nei flussi interbancari, tale fenomeno si è un certo senso “democratizzato” offrendo la possibilità di investire nel mercato anche ai piccoli risparmiatori. Questa circostanza ha portato quindi ad un aumento impressionante della popolazione dei traders nel Forex.

I diversi moventi del mercato valutario

Sono diverse le motivazioni che spingono gli operatori ad investire nelle valute. Se da un lato le banche centrali dei diversi Paesi movimentano gran parte di tale mercato per incidere sui dati macroeconomici dell’economia di una nazione, dall’altro vi sono numerose banche commerciali e banche d’investimento che vi operano essenzialmente per la copertura dei rischi valutari o per intenti speculativi, acquistando o vendendo una valuta in termini di un’altra semplicemente per trarre profitto dalle proprie previsioni in merito al futuro andamento di determinati tassi di cambio.
In tutti gli investimenti esiste quasi sempre una transazione in cambi da realizzare, che si agisca sul mercato azionario, dei futures, delle opzioni o su quello dei titoli a reddito fisso, il mercato delle valute è quasi sempre coinvolto.

Le dimensioni colossali di un fenomeno

Non sorprende quindi il fatto che esso risulti il mercato più sviluppato al mondo, con una dimensione complessiva che supera la dimensione totale raggiunta da tutti i mercati azionari esistenti nel mondo di oltre 30 volte, con un turnover medio giornaliero delle negoziazioni effettuate che, secondo i dati forniti dalla Banca dei Regolamenti Internazionali, è cresciuto dai 4000 miliardi di dollari del 2010 ai 5300 miliardi dell’anno appena trascorso.
L’esplorazione di questo universo è lunga ed elaborata ma certamente possibile e soddisfacente. La nuova rubrica sul Forex nasce con l’intento di fornire diversi elementi e spunti interessanti per la conoscenza di tale mercato nel formato di piccole dosi giornaliere e si pone l’obiettivo di arricchirsi di contenuti tramite uno sguardo ai metodi operativi e tramite l’approfondimento degli strumenti di trading più utili e redditizi per coloro che si apprestano a conoscere più da vicino il segmento del trading sul mercato delle valute.

Autore: Emanuela Bisceglia

Emanuela ha conseguito la laurea in Economia dei Mercati e degli Intermediari Finanziari con specializzazione in Mercati Finanziari e Finanza Quantitativa presso l'Università degli studi di Roma "Tor Vergata". Incuriosita dal mondo dei derivati finanziari, ha deciso di approfondire la materia durante la stesura della sua tesi di laurea. Successivamente, ha scoperto il mondo del trading sul Forex appassionandosene. E' il crescente interesse verso questo argomento a spingerla a scrivere nella sua rubrica intitolata "Pillole di Forex".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *