BOE: l’inflazione potrebbe salire

La Banca d’Inghilterra ha detto che l’inflazione del Regno Unito potrebbe accelerare rapidamente nel 2016, una volta che l’impatto dei prezzi del petrolio a strapiombo finirà e grazie al fatto che i dati dei salari e della disoccupazione hanno mostrato una nuova pressione del costo del lavoro che sta cominciando a costruirsi. Con i prezzi delle materie prime in una situazione particolare, il rallentamento potrebbe rivelarsi temporaneo. In assenza di ulteriori movimenti dei prezzi delle materie prime o della sterlina, gli effetti di questi fattori sul CPI a 12 mesi potrebbe dissiparsi verso la fine del 2015, causando un movimento dell’inflazione che potrebbe arrivare verso l’obiettivo classico.

I verbali hanno mostrato una certa divergenza relativamente a quando il serraggio dovrebbe iniziare. Per due membri della BOE, la decisione di mantenere i tassi allo 0.5 per cento anche questo mese è stata “finemente equilibrato”, e non ci può essere modo di aumentare i tassi entro la fine dell’anno. La commissione ha detto che la prossima più probabile mossa politica dei prossimi tre anni è quella di “stringere”. In segno di un ulteriore rafforzamento nel mercato del lavoro, l’Ufficio di Statistica ha detto che la disoccupazione è scesa al tasso più basso degli ultimi sei anni nel quarto trimestre 2014. Il tasso di disoccupazione è sceso al 5,7 per cento dal 5,8 per cento nel periodo fino a novembre. Le paghe sono invece cresciute del 2,1 per cento, superando il margine dell’inflazione del valore massimo dal 2008. La sterlina si rafforza dopo i rapporti pubblicati ed è in rialzo dello 0.5 per cento a 1,5426 dollari.

L’inflazione ha rallentato ad un record minimo dello 0,3 per cento nel mese di gennaio e la BOE ha previsto un calo sotto zero. Tuttavia, il governatore Mark Carney ha detto che questo calo sarà di breve durata e l’inflazione potrebbe probabilmente riprendersi ed avvicinarsi all’obiettivo del 2 per cento entro il prossimo anno. Nelle minute, la BOE ha detto che ci sono dei rischi al rialzo e al ribasso per le previsioni di inflazione e per il rallentamento dell’economia. Mentre ha detto che la prospettiva per l’economia è migliorata nel corso degli ultimi tre mesi, ha anche osservato i rischi degli sviluppi globali, in particolare in Europa. Le previsioni centrali della BOE sono legate ad una graduale ripresa della crescita dei salari, anche se ha avvertito di un rischio che le aspettative di inflazione più basse potrebbero alimentare una crescita della retribuzione inferiore.

La crescita sarà probabilmente un po’ più forte nei prossimi anni, ciò nonostante gli andamenti dei mercati finanziari del mese passato servivano a ricordare che le prospettive di crescita sono sensibili anche agli sviluppi globali.

Autore: Guglielmi Franco

Mi preoccupo di tenervi aggiornati sulle ultime notizie dal mondo del Forex in tempo reale, con approfondimenti sulle migliori notizie in campo economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *