B come bandiera rialzista ( 1° parte)

Analizzeremo le caratteristiche di questo modello utilizzato soprattutto per riflettere le reazioni dei Trader ad un primo impulso sul mercato.

 Le caratteristiche principali presenti in un modello di bandiera rialzista

Il  modello della bandiera rialzista è al pari dei modelli dei triangoli e dei modelli  testa e spalle tra quelli più utilizzati  dai Trader,  per analizzare graficamente delle variazioni di un prezzo, per definire ad esempio una prima entrata in quella posizione, o la relativa uscita che permetta di realizzare il massimo profitto. Così come risulta essere utile anche per riflettere delle prime reazioni del Trader ad un impulso sul mercato. Deve il suo nome a delle caratteristiche grafiche simili proprio ad una bandiera e dove le singole componenti rappresentano dei momenti specifici presenti sul mercato. La parte iniziale dell’ asta ad esempio viene utilizzata proprio per indicare degli primi impulsi presenti sul mercato, per poi passare ad una analisi dei ritracciamenti continuando l’ analisi sul  drappo, ed infine sull’ altezza della suddetta bandiera per evidenziare la reazione verso l’ asta.

 I collegamenti del modello della bandiera rialzista con una teoria importantissima quale quella del Momentum

Va inoltre subito evidenziato che il modello della bandiera rialzista presenta degli stretti collegamenti con una teoria importantissima come quella del Momentum, in quanto presenta al suo interno dei principi importanti della suddetta teoria, come nel caso della spinta iniziale che porta a delle prime reazioni sul mercato, o ancora alle analisi del comportamento del Trader. In pratica il prezzo tende a restare stabile fino a che  una forza proveniente dal mercato non interviene portando a dei primi cambiamenti, che possono essere messi in risalto proprio dal modello della bandiera rialzista. L’ obiettivo è infatti di prevedere con un certo anticipo tale forza, che provocherà inizialmente uno squilibrio tra la domanda e l’ offerta presente sul mercato con una conseguente e prima spinta del prezzo relativo verso l’ alto.

 Le differenti strategie messe in atto da un Trader aggressivo o moderato: un primo accenno in relazione al collegamento  con la bandiera rialzista

Per il principio del momentum inoltre laddove il prezzo e il momentum formano un nuovo massimo, si aumentano le probabilità che il suddetto prezzo, registri un massimo ancora più elevato a seguito di prime correzioni sul mercato stesso. Tale principio può essere applicato proprio al caso della bandiera rialzista, associando all’ elemento del drappo, le prime correzioni sul mercato, e dove l’ individuazione della rottura della bandiera è il momento che si cerca di definire con un certo anticipo per fornire dei maggiori vantaggi allo stesso trader, considerando tuttavia che in tale situazione entrano in gioco anche altri fattori inerenti ai comportamenti da attuare sul mercato. Potrebbe infatti accadere che un trader con strategie più aggressive,  miri ad effettuare il relativo acquisto nel punto più vicino alla parte bassa della relativa bandiera ossia quando il prezzo si muove in un confine nel breve termine di un trend discendente) mentre un trader più moderato attenderà l’ uscita del prezzo dal drappo. Questi ultimi aspetti sono molto importanti nel modello della bandiera rialzista e saranno affrontati a breve nell’ ultimo articolo sull’ argomento.

 

 

Autore: Iolanda Piccirillo

Classe 1985, laureata nel 2009 in Economia e Commercio all' Università Parthenope di Napoli con la votazione di 104/110. E’ La forte passione per il mondo finanziario maturata prima e dopo gli studi a spingere verso l’ avventura editoriale, al fine di poter dare la sua voce sulle diverse tematiche che girano attorno all'economia e al mondo del Trading.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *