Analisi valute – 17 marzo

EUR/USD

Per la giornata di oggi potrebbe essere possibile aprire una nuova posizione in acquisto se il rapporto di cambio dovesse rompere al rialzo la quota di 1.3010 , ponendo il primo obiettivo a quota 1.3030 e il secondo obiettivo a quota 1.3050 . Se invece il valore del rapporto dovesse superare al ribasso la quota di 1.2920, allora potremmo aprire una nuova posizione in vendita fissando il primo obiettivo a 1.2900 e il secondo obiettivo a quota 1.2880 .

EUR/GBP

Per la sessione di oggi potremmo considerare l’apertura di una posizione in acquisto qualora il valore del rapporto di cambio dovesse rompere al rialzo 0.9240 , fissando il primo obiettivo al raggiungimento di 0.9260 e il secondo obiettivo al raggiungimento di 0.9280 . Se il rapporto di cambio dovesse invece superare al ribasso il valore di 0.9190 , potremmo aprire una posizione short fissando il primo obiettivo a quota 0.9170 e il secondo obiettivo quota 0.9150 .

USD/JPY

Per la sessione odierna potremmo aprire una posizione long qualora il valore del rapporto di cambio dovesse superare al rialzo la quota di 98.30, fissando il primo obiettivo al valore di 98.50 e il secondo obiettivo al valore di 98.70 . Se invece il valore del rapporto di cambio dovesse rompere al ribasso quota 97.90 , potremmo dunque aprire una posizione al ribasso ponendo come primo obiettivo quota 97.50 e come secondo obiettivo quota 97.30 .

GBP/USD

Per la sessione di oggi potremmo aprire una posizione in acquisto se il valore del rapporto di cambio dovesse rompere al rialzo il valore di 1.4110 , fissando il primo obiettivo a quota 1.4140 e secondo obiettivo a quota 1.4170 . Se il valore del rapporto di cambio dovesse invece rompere al ribasso la quota di 1.3960 , potremmo dunque aprire una posizione in vendita fissando il primo obiettivo a quota 1.3930 e con secondo obiettivo quota 1.3900 .

Autore: Guglielmi Franco

Mi preoccupo di tenervi aggiornati sulle ultime notizie dal mondo del Forex in tempo reale, con approfondimenti sulle migliori notizie in campo economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *