Alternative al doji: martello e stella cadente ( 2°p.)

Approfondiremo i casi relativi delle candele a martello e delle stelle cadenti.

 Le principali alternative alle candele doji: martello e stella cadente

Candele a martello e stella cadente rappresentano due casi alternativi ai classici doji, che vanno oltre un concetto relativo alla presenza di un prezzo simile di apertura e di chiusura, e con invece delle piccole differenze tra i prezzi presenti in apertura e chiusura del relativo mercato. Nel primo caso relativo alle candele a martello si ha in particolare la relativa formazione in una fase di livello di supporto, mentre nel secondo caso relativo alla stella cadente si ha la relativa formazione in una fase di livello di resistenza.

 Un riepilogo sulle candele a martello in relazione alle caratteristiche prevalenti e somiglianze con le dragonfly doji

Le candele a martello note anche come “ hammer”  sono già state analizzate nella prima parte, ma ci preme evidenziare per un confronto finale con le stelle cadenti alcune caratteristiche. Le hammer godono innanzitutto di caratteristiche analoghe alle dragonfly doji, ma tendono a formarsi  in corrispondenza di una fase di livello di supporto e dopo una fase del ribasso del prezzo. Anche dal punto di vista grafico sono simili ad una dragonfly doji, con la presenza di una ombra inferiore allungata simile ad una forma di T. Ma mentre nella dragonfly doji vi è una quasi coincidenza tra il prezzo di apertura e di chiusura presente sul mercato, nelle candele a martello tutto questo non accade e vi è  una minima distanza tra il prezzo di apertura e di chiusura presente sul mercato, definendo in pratica un segnale di inversione al rialzo senza tenere conto se l ‘apertura è  maggiore della chiusura o viceversa.

 Le caratteristiche principali della stella cadente e le somiglianze presenti con la gravestone doji

La stella cadente al contrario presenta delle caratteristiche analoghe a quanto già visto per le gravestone doji, e con sottili differenze in relazione ad esempio alla distanza tra apertura e chiusura del prezzo sul mercato. Questo elemento infatti risulta essere lievemente maggiore rispetto alla gravestone, così come vi è una quasi uguaglianza per quanto attiene il relativo prezzo di chiusura. Dal punto di vista grafico invece presentano delle lunghe ombre sul lato superiore ( che riflettono appunto il rifiuto del prezzo più elevato) segnalando delle importanti opportunità sul mercato legate ad un basso rischio, se formate dopo una tendenza al rialzo del prezzo verso un livello di resistenza. In generale si parte da una tendenza al rialzo presente sul mercato che forma una stella cadente in corrispondenza di un nuovo livello che spinge i prezzi verso il basso. Tali candele permettono quindi di fornire importanti informazioni sulla domanda e offerta presenti sul mercato, anche in un orizzonte temporale di breve periodo,  per aiutare verso una definizione sia di una struttura del prezzo e sia di una inversione del Trend. E che finalmente mirano a completare il discorso sull’ importante teoria delle Candlestick e dei vantaggi che possono prevalentemente offrire al Trader:  dai segnali relativi a delle variazioni importanti intervenute sul mercato di riferimento a dei collegamenti presenti tra domanda ed offerta.

 

Autore: Iolanda Piccirillo

Classe 1985, laureata nel 2009 in Economia e Commercio all' Università Parthenope di Napoli con la votazione di 104/110. E’ La forte passione per il mondo finanziario maturata prima e dopo gli studi a spingere verso l’ avventura editoriale, al fine di poter dare la sua voce sulle diverse tematiche che girano attorno all'economia e al mondo del Trading.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *