Alternative al doji: martello e stella cadente (1°p.)

Considereremo i casi di rifiuto rialzista dei prezzi più bassi ( anche noti come martello)  e il caso opposto relativo al rifiuto ribassista dei prezzi più elevati ( conosciuti anche come stella cadente).

 Dalle Gravestone Doji e dragonfly doji agli ultimi casi di candele a martello e stella cadente

Nelle candele Doji precedentemente analizzate si è posto una particolare attenzione sulle condizioni di rifiuto del prezzo, a seconda delle risposte messe in atto dagli acquirenti e venditori sul mercato. Di candele che presentano un prezzo simile di apertura e di chiusura del prezzo del mercato, definito nel caso delle Gravestone doji dagli  acquirenti che spingono il prezzo verso livelli elevati e dai  venditori che  verso la fase di chiusura spingono il prezzo verso il basso, stabilizzando nuovamente l’ equilibrio spingendo verso un prezzo che raggiungerà un livello analogo a quanto presente nella fase iniziale. Mentre nel caso opposto delle dragonfly doji, ritroviamo I venditori che in una prima riescono ad abbassare i prezzi sul mercato, seguiti al termine della sessione dagli acquirenti che incidono verso un nuovo rialzo del prezzo, fino al raggiungimento del valore di apertura.

 Due casi alternativi ai classici doji: candele a martello e stella cadente

Nei casi alternativi ai classici doji, come  i casi delle candele  martello ( o Hammer) e della stella cadente invece si va oltre il concetto di un prezzo simile di apertura e di chiusura, con la presenza grafica sempre di una ombra allungata, ma con delle piccole differenze tra i prezzi presenti in apertura e chiusura del relativo mercato. A tal proposito è possibile quindi distinguere tra due casi: candele a martello e  stelle cadenti. Nel primo caso ( candele a martello o Hammer) si ha la relativa formazione in una fase di livello di supporto, mentre nel secondo caso ( stelle cadenti) si ha la relativa formazione in una fase di livello di resistenza. Ma andiamo con ordine esaminando in questa prima parte delle caratteristiche delle candele a martello, per poi approfondire tale concetto e passare anche ad una successiva definizione delle stelle cadenti nella seconda parte sull’ argomento.

 Le logiche prevalenti delle candele a martello e la minima distanza tra prezzo di apertura e di chiusura sul mercato

Le candele a martello note anche come “ hammer” presentano delle caratteristiche analoghe alle dragonfly doji, formandosi tuttavia  in corrispondenza di una fase di livello di supporto e dopo una fase del ribasso del prezzo. Presentano inoltre graficamente una ombra inferiore allungata simile ad una forma di T,  tuttavia mentre nella dragonfly doji vi è una quasi coincidenza tra il prezzo di apertura e di chiusura presente sul mercato, nelle candele a martello vi è invece  una minima distanza tra il prezzo di apertura e di chiusura presente sul mercato, definendo in pratica un segnale di inversione al rialzo (senza tenere conto se l ‘apertura è  maggiore della chiusura o viceversa). Cosa possiamo quindi notare in prima battuta nelle candele a martello? Degli elementi molto simili al doji, ed in cui il rifiuto del prezzo può essere visto come un nuovo segnale utile per gli operatori presenti sul mercato.

 

Autore: Iolanda Piccirillo

Classe 1985, laureata nel 2009 in Economia e Commercio all' Università Parthenope di Napoli con la votazione di 104/110. E’ La forte passione per il mondo finanziario maturata prima e dopo gli studi a spingere verso l’ avventura editoriale, al fine di poter dare la sua voce sulle diverse tematiche che girano attorno all'economia e al mondo del Trading.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *