Alitalia, informazioni sulla tutela dei lavoratori rare come mosche bianche

Ebitda (assolutamente in utile, privo di interessi, con grande attenzione a tasse e ammortamenti ) dovrebbe passare da 237 milioni di euro del 2015, a 694.000.000 euro nel 2023, secondo il rapporto

Carrier -based Golfo Etihad ha presentato un piano quinquennale per gli azionisti anziani di Alitalia e per ottenere intese che trasformeranno la compagnia aerea italiana in perdita in una “società a cinque stelle” almeno stando a quanto riportato dal quotidiano Il Messaggero. Gabriele Del Torchio, amministratore delegato di Alitalia, avrebbe dovuto rispondere del piano nel corso di questo Giovedi, afferma il giornale. In un documento di 20 pagine che include i punti richiesti da Etihad, se si tratta di riuscire a ottenere 500 milioni di euro di investimenti in Alitalia, le previsioni delle compagnie aeree degli Emirati Arabi Uniti per Alitalia potrebbero consentire di tornare in utile nel 2017, questo è stato confermato da tutti gli organi di stampa. Il documento prevede, inoltre, che l’Ebitda (assolutamente in utile, privo di interessi, con grande attenzione a tasse e ammortamenti ) dovrebbe passare da 237 milioni di euro del 2015, a 694.000.000 euro nel 2023, secondo il rapporto .

Nel complesso, il piano strategico prevede sette nuove destinazioni, 16 nuovi collegamenti e mira a competere con Lufthansa in Germania nel nord Italia

Il piano citato dal quotidiano vedrebbe i voli internazionali in partenza da Roma Fiumicino e Linate di Milano aumentati, con sette nuovi collegamenti dalla capitale italiana in meno di tre anni e il miglioramento dei collegamenti che collegano Linate alle principali capitali europee. Nel complesso, il piano strategico prevede sette nuove destinazioni, 16 nuovi collegamenti e mira a competere con Lufthansa in Germania nel nord Italia. Una condizione fondamentale previsto dalla Etihad per un accordo con Alitalia riguarda i suoi debiti con le banche. Il vettore del Golfo vuole che le banche riescano a cancellare fino a 562 milioni di euro di debito, mentre 140.000.000 € in debito senior devono essere rimandati fino al 2021. I rapporti precedenti che Eihad sta anche cercando in Alitalia dovrebbero evitare numerosi tagli di posti di lavoro ma, all’interno delle ultime news, questa possibilità non è stata affatto menzionata.
Eppure appare anche scontato affermare che, il primo discorso da sostenere, sia quello della tutela dei posti di lavoro. Quante famiglie dovranno perdere il loro posto a causa di questa leggerezza? Alitalia, negli ultimi mesi, ha riservato notizie troppo fumose e pochissimi fatti. La gente vuole chiarezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *