Forex XM

Indicatori Forex, MACD e Fibonacci

Indicatori Forex, MACD e Fibonacci
Servizio Analisi

Scritto da:
Servizio Analisi
Rubrica:
Tutto sul Forex
Ultimo aggiornamento:
13 marzo 2012

Il MACD è il metodo più dettagliato per l’utilizzo delle medie mobili nel trading e per trovare dei segnali di trading dai grafici dei prezzi. Sviluppato da Gerald Appel, il MACD traccia la differenza tra una media mobile esponenziale a 26 giorni ed una media mobile esponenziale a 12 giorni. La media mobile a 9 giorni è generalmente usata come linea di innesco: quando il MACD passa al di sotto di questa linea, si ha un segnale ribassista, mentre quando vi passa al di sopra, si ha un segnale rialzista.

Come con altri studi ed indicatori, gli operatori cercheranno di analizzare il MACD per trovare delle indicazioni di trading, come ad esempio delle divergenze tra i prezzi di mercato e l’indicatore tecnico. Se il MACD diventa positivo e i minimi sono più alti, mentre i prezzi stanno ancora scendendo, si potrebbe avere un forte segnale di acquisto. Viceversa, se il MACD diventa negativo e i massimi diventano più bassi, mentre i prezzi stanno salendo, si potrebbe avere un forte segnale di vendita.

I ritracciamenti di Fibonacci, invece, sono applicabili al forex così come a qualsiasi altra cosa della natura. Quando sono applicati all’analisi tecnica ci permettono di trovare dei punti di inversione.

I ritracciamenti di Fibonacci comportano dei cambiamenti nelle tendenze, anticipando i prezzi in prossimità delle linee create dai vari studi. Dopo un movimento di prezzo significativo, verso l’alto o verso il basso, i prezzi spesso ritracciano di una certa quota rispetto al movimento originale. Durante questi ritracciamenti, si hanno dei livelli di supporto e di resistenza che si verificano in prossimità dei livelli di ritracciamento di Fibonacci.

Sui mercati valutari, la sequenza comunemente usata è 23.6%, 38.2%, 50% e 61.8%. I livelli di ritracciamento di Fibonacci possono essere facilmente visualizzati collegando una linea di tendenza da un punto ritenuto elevato fino ad un certo punto minimo. Considerando la differenza tra questi due valori, si possono applicare i rapporti  % per ottenere i pullbacks desiderati.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Altri Articoli sul Forex che Potrebbero Interessarti:

  • Come usare le bande di BollingerCome usare le bande di Bollinger Vediamo in questo articolo come possiamo fare trading con le bande di Bollinger. Questo indicatore ci aiuta a misurare la volatilità dei prezzi. Le bande di Bollinger sono composte da tre bande, che sono una fascia superiore, una fascia inferiore e ...
  • Come usare l’istogramma del MACDCome usare l’istogramma del MACD Il segnale principale che viene generato dall'istogramma del MACD è una divergenza seguita da un crossover sulla media mobile. Un segnale rialzista viene generato quando si forma una divergenza positiva e vi è una Bullish Centerline Crossover. Un seg...
  • Svantaggi del MACDSvantaggi del MACD Oltre agli aspetti positivi, che abbiamo analizzato nello scorso articolo, il MACD ha anche diversi aspetti negativi e degli inconvenienti. Le medie mobili, siano essi semplici, esponenziali o ponderate, non correggono il fatto che gli indicatori son...
  • Gli indicatori tecnici, alcuni errori da evitareGli indicatori tecnici, alcuni errori da evitare Molti commercianti forex utilizzano gli indicatori tecnici per avere un aiuto nel prendere decisioni di trading, nel complesso sono strumenti molto efficaci. Ci sono tuttavia un paio di errori che molti commercianti di forex fanno, vediamo come evitarli...