Conoscere la direzione del mercato : il trend

Abbiamo visto come si legge la domanda e l’offerta quindi come si leggono i comportamenti dei compratori e dei venditori, abbiamo visto i movimenti che il prezzo compie continuamente analizzando i quali possiamo comprendere l’azione degli operatori, capire chi controlla il mercato, comprendere se c’è un eccesso di offerta o di domanda o se sta perdendo forza. Siamo messi bene, meglio di tanti trader che seguono alla cieca i mercati senza analizzare le forze in gioco e senza osservare ciò che il prezzo gli dice, fare trading cosi è molto pericoloso perchè si rischia di confondere le idee con i fatti, in questo mestiere invece bisogna decidere per quello che il mercato ci dice, non la nostra testa.

Il trend

Oggi andiamo a vedere una cosa fondamentale : il trend. Potremmo parlarne per ore, senza aggiungere nulla di nuovo alla marea d’informazioni presente in giro per la rete o sui vostri libri. Quindi andiamo a rivedere solo i punti fondamentali : 1 – Conoscere la direzione del mercato è fondamentale perchè ci permette di privilegiare un determinato tipo d’operatività. 2 -Per guadagnare abbiamo bisogno di un mercato in movimento in modo definito, uno fermo, nervoso o in laterale non ci permette di fare soldi. Quindi abbiamo bisogno non solo di conoscere la direzione del trend ma anche la sua intensità, la sua forza. Allora ci costruiremo un semplicissimo indicatore basato sulle chiusure che ci permetterà di conoscere la direzione del mercato e l’intensità del trend.

Canale di volatilità

L’ho chiamato canale di volatilità perchè spesso questa misura può essere fatta con le chiusure, quindi seppur in versione semplice non ha nulla da invidiare ad altri canali di volatilità ben più compressi. Il codice dell’indicatore da applicare su Pro real time è il seguente :

n=6
massimo=0
minimo=1000000
media=0

while (n>1) do
n=n-1
if close[n]>massimo then
massimo=close[n]
endif
if close[n]<minimo then
minimo=close[n]
endif
wend

media=abs(((massimo-minimo)/2)-massimo)
return massimo,minimo,media

In dettaglio

E’ molto semplice, calcola le ultime n chiusure (potete sperimentare nuovi valori) e individua la chiusura massima e quella minima formando un canale. Quando il prezzo chiude al di sopra la direzione del trend è al rialzo, quando chiude sotto è al ribasso. Chiaramente non sono segnali operativi, serve solo per conoscere la direzione del mercato più probabile finchè non viene attivata la condizione contraria : cioè se il mercato rompe al ribasso il canale finchè non rompe al rialzo tendenzialmente è destinato a scendere e viceversa.Esempi :

aussie

cable

Conoscere soltanto la direzione non è sufficiente per lavorare, dobbiamo interessarci ad un mercato solo quando questo trend diventa intenso, definito, netto. Ci serve quindi un modo per capire l’intensità del trend. Questo lo vedremo la prossima volta perchè vorrei che i lettori guardassero e osservassero l’indicatore per un po’ di tempo cercando di scoprire da soli come può esserci utile per stabilire la forza e l’intensità di un movimento al rialzo o al ribasso. In ogni caso la prossima volta lo vedremo insieme ma io penso che con un minimo di attenzione osservando cosa fa il prezzo sia possibile arrivare alla risposta, chiunque avesse un’idea non esiti a scriverla anche la più semplice, anzi le cose più solide sono spesso le più semplici. Una volta stabilito il trend e la sua intensità lavoreremo solo in presenza di quest’ultima integrando nel sistema i concetti visti in precedenza che ci serviranno da segnali d’entrata.

Alla prossima

Lo Yen guadagna sui dati più deboli del previsto, Kuroda e i commenti

Lo yen è riuscito a guidare il dollaro sotto il livello di 102 intorno a 101.95, vicino al minimo da…

I metalli sono potenzialmente ribassisti

AZIONI Il conflitto tra l'Ucraina e la Russia si è intensificato ma l'effetto sembra in gran parte contenuto sulle materie…